Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoPoliticaManifestazioni › Manifestazione accise: «Pigliaru se ne infischia»
A.B. 15 gennaio 2015
Questa mattina, davanti ai cancelli della Saras, è andata in scena la manifestazione organizzata dai Riformatori Sardi. «Il 23 la Consulta decide, Pigliaru batta un colpo e difenda gli interessi dei sardi. Chi inquina in Sardegna deve pagare in Sardegna», chiedono i rappresentati politici, per questa che è, di fatto, «l´ultima chiamata per la Giunta»
Manifestazione accise: «Pigliaru se ne infischia»


SARROCH - «Ultima chiamata alla Giunta regionale: il 23 gennaio la Corte Costituzionale decide sulla questione accise, affinché alla Sardegna siano riconosciute le entrate derivanti dalle accise sui prodotti petroliferi lavorati nella raffineria della Saras a Sarroch. Solo i Riformatori si sono opposti alla decisione del governo di ricorrere alla Consulta contro una legge della Regione approvata da tutti i gruppi politici, incluso il Pd». Queste le prime dichiarazioni dei rappresentanti dei Riformatori Sardi a corollario della manifestazione tenutasi giovedì mattina davanti ai cancelli della “Saras”, fulcro del Progetto Eleonora, che tanto rumore ha fatto nell'Isola, con discussioni e manifestazioni, stop e ripartenze [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI], [LEGGI].

Nell'occasione, si è sottolineato come, del petrolio, la Sardegna subisca solo i danni integrali, sulla salute della popolazione e sull’ambiente, ma non ne abbia i benefici, se non in parte minima e legata esclusivamente al consumo di tali prodotti che avviene nell’Isola. A tutte le regioni spettano le accise sui prodotti petroliferi “consumati” nel loro territori, quindi anche alla Sardegna, Ma l'Isola rappresenta il posto fisico dove viene lavorato quasi il 20percento dell’intera produzione italiana e questo non viene riconosciuto in alcun modo. E’ noto a tutti che la Saras raffina a Sarroch circa il 20percento dell’intera produzione nazionale e che la Sardegna incassa le accise solo sul consumato nell’Isola. Nel 2006, Soru ha firmato un accordo con Prodi che, tra le altre cose, prevedeva che «nelle entrate spettanti alla regione sono comprese anche quelle che, sebbene relative a fattispecie tributarie maturate nell’ambito regionale, affluiscono, in attuazione di disposizioni legislative o per esigenze amministrative, ad uffici finanziari situati fuori del territorio della Regione».

Nella predisposizione dell’ultima finanziaria, i Riformatori hanno ottenuto che la legge preveda l’incasso da parte della Regione della totalità delle accise sui carburanti lavorati a Sarroch, per una stima di circa un miliardo di euro. Un provvedimento approvato da tutte le forze politiche presenti in Consiglio Regionale nella scorsa legislatura. Nonostante questo, il Governo ha impugnato la norma davanti alla Corte Costituzionale: «era proprio quello che si aspettava per aprire un contenzioso e ottenere un pronunciamento da parte della Consulta. Incredibilmente – viene sottolineato - la Regione guidata da Pigliaru rinuncia a costituirsi e, anzi, firma un accordo con il Governo in cui si impegna a ritirare i ricorsi pendenti e addirittura a rinunciare agli eventuali benefici che gliene deriverebbero qualora la Corte le desse ragione , pur in assenza di costituzione». I Riformatori decidono di costituirsi, in un estremo e disperato tentativo di evitare che le ragioni della Sardegna restassero senza una voce che li difendesse davanti alla Corte costituzionale. Oltre alle accise sulla lavorazione dei prodotti petroliferi (fattispecie tributaria “maturata” nell’ambito regionale, anche se riscossa altrove) la Sardegna ha tuttora pendenti davanti alla Corte, tra gli altri, un ricorso sulle riserve erariali (circa 150milioni), uno sugli accantonamenti (570), uno sulla ripartizione dei proventi sui giochi (250). «Chi inquina in Sardegna deve pagare in Sardegna. Ma la Giunta Pigliaru se ne infischia», concludono i Riformatori Sardi.

Nella foto: un momento della manifestazione di questa mattina
Commenti
25/7/2016
Lo ha rivelato il questore di Oristano Francesco Di Ruberto in una conferenza stampa convocata all´indomani dell´evento. Il problema sarebbe il costo per l´occupazione del suolo pubblico
17:13
L’edizione 2016 vedrà protagonisti gruppi provenienti da Cuba, Patagonia, Bolivia, Jacutia e Sardegna, e si articolerà da giovedì 28 luglio a lunedì 1° agosto nei comuni di Pula, Carloforte, Assemini e Aritzo
7:00
L’avvio in ritardo del cartellone estivo? «Mancanza di programmazione» sostengono alcuni esponenti della minoranza. L’approvazione del programma delle manifestazioni estive da parte della giunta comunale arriva quasi fuori tempo massimo, spostando tutte le manifestazioni ad agosto e settembre
25/7/2016
Per ragioni di sicurezza pubblica, in occasione dei Piccoli Candelieri, dei Candelieri medi, dell´Arrostita e dei Candelieri, sarà vietato il consumo itinerante di qualsiasi tipo di bevanda in contenitori di vetro ed in lattine
24/7/2016
La giunta comunale approva a fine luglio il programma delle manifestazioni estive. Più di quaranta eventi di sport e musica organizzati in collaborazione con le associazioni
© 2000-2016 Mediatica sas