Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoAmbienteServizi › Oristano: da lunedì 12 gennaio il nuovo servizio di igiene urbana
A.B. 10 gennaio 2015
Finita la lunga fase di informazione, con gli incontri in città e nelle frazioni, il Comune è pronto per l’avvio del nuovo servizio
Oristano: da lunedì 12 gennaio il nuovo servizio di igiene urbana


ORISTANO - Lunedì 12 gennaio parte il nuovo servizio di igiene urbana. Finita la lunga fase di informazione, con gli incontri in città e nelle frazioni, il Comune di Oristano è pronto per l’avvio del nuovo servizio. L’Assessorato al Decoro urbano e la ditta “Ecologica” puntano all’aumento della raccolta differenziata attraverso il potenziamento del porta a porta ed il ritiro del secco residuo non differenziabile una volta alla settimana. Tra le novità, la riorganizzazione dello spazzamento stradale, l’attivazione dell’ecosportello e degli ecocentro mobili nei quartieri e nelle frazioni, sistemi di raccolta diversificata tra le utenze del centro storico, attenzione alla comunicazione. Per avere il miglior risultato possibile, nei mesi scorsi sono stati consegnati alle circa 14mila utenze il mastello per la carta (quello del secco è già stato consegnato), un kit di sacchetti, una breve guida al servizio, un calendario ed una lettera del sindaco e dell’assessore, che illustra le principali novità.

«La campagna “le 4R” ha puntato sulla valorizzazione di quattro termini (riduco, riuso, riciclo, rispetto) ai quali ispirarsi per promuovere la raccolta differenziata e il rispetto dell’ambiente – spiegano il sindaco Guido Tendas e l’assessore Efisio Sanna -. Quattro vocaboli che danno significato allo slogan “Oristano fa la differenza” che vuole essere un invito perché i temi legati all’ambiente, alla gestione dei rifiuti e al decoro urbano siano, per tutti, un sostanziale imperativo etico. Il nuovo servizio conferma il sistema porta a porta che negli anni ha dato risultati positivi. I valori attuali sono confortanti, ma da troppo tempo fermi su percentuali che oscillano tra il 65 e il 67percento. Vogliamo migliorare i risultati fin qui raggiunti puntando al coinvolgimento di tutta la comunità per ottimizzare il valore della raccolta differenziata e contribuire al decoro cittadino». Diminuire e differenziare i rifiuti ha un significato etico, ma anche economico: «È giunto il momento di fare un salto di qualità migliorando il nostro atteggiamento individuale. Evitare che i costi di ambientali diventino sempre più alti ha risvolti per le spese comunali e per il decoro del territorio – sottolinea Sanna - È importante aumentare la quantità di rifiuti raccolti separatamente senza trascurare l’aspetto qualitativo. La presenza di rifiuti non idonei nei contenitori della differenziata pregiudica il buon esito del processo di riciclaggio e recupero. Inoltre, aumentando i quantitativi di rifiuto secco non riciclabile aumentano le spese di discarica».

Le novità: ritiro del secco residuo non differenziabile una sola volta alla settimana; ritiro dei pannolini e pannoloni tre volte alla settimana; riorganizzazione del sistema di spazzamento con cartelli di divieto, lavaggio piazze; attivazione ecosportello (sistema interazione segnalazioni, consigli e indicazioni); attivazione degli ecocentro mobili nei quartieri e nelle frazioni; pagine web e mail dedicate al servizio e ai temi della qualità urbana; sistemi di raccolta diversificata tra le utenze del centro storico; nuova gestione del ciclo rifiuti tra le scuole e gli uffici pubblici; ritiro domiciliare oli usati, ramaglie e sfalci verdi (a richiesta saranno consegnati sacchi di iuta); servizi personalizzati in caso di esigenze particolari o disabilità; istituzione del centro del riuso; posizionamento di ulteriori cestini getta-carta; installazione venti kit monouso per deiezioni canine; carta dei servizi con monitoraggio sulla qualità. Per ogni informazione o chiarimento, i cittadini possono rivolgersi all'Eecosportello (telefonando al numero verde 800/632270) o all'Ecocentro comunale, in Via Oslo (aperto ogni giorno dal lunedì al sabato).
Commenti
18:10
Gli oltre 160mila abitanti dei 26 Comuni della ex-Provincia di Olbia-Tempio non saranno costretti a recarsi al PRA di Sassari per le pratiche e i documenti delle loro auto
© 2000-2016 Mediatica sas