Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoAmbienteAmbiente › «Golf Torregrande da Valutazione Ambientale»
D.C. 29 ottobre 2014
Gli ambientalisti non si arrendono nel processo di salvaguardia della pineta di Torregrande, minacciata di essere trasformata in un campo da Golf. Un progetto «privo di buon senso» che dovrà dunque essere sottoposto alla procedura di valutazione ambientale (Via)
«Golf Torregrande da Valutazione Ambientale»


ORISTANO – Il gruppo di intervento giuridico Onlus (Grlg) prosegue il proprio percorso nella battaglia contro il progetto golfistico, proposto dalla Società “Ivi Petrolifera”, sul litorale oristanese di Torregrande. Considerandolo un disegno turistico edilizio non realizzabile poiché in contrasto con il piano paesaggistico regionale - che non prevede di edificare in aree seminaturali e ad utilizzazione forestale quale è la pineta di Torregrande - il Grig ora preme perché il progetto venga sottoposto alla procedura di valutazione di impatto ambientale (Via).

Si tratta in realtà di una richiesta già effettuata un mese fa, specie dopo la decisione da parte della Provincia di Oristano di escludere dalla procedura di valutazione ambientale strategica (Vas), la variante introdotta nel Puc dal Comune di Oristano per consentire la realizzazione del progetto golfistico [LEGGI]. Questo nonostante il Servizio regionale Tutela paesaggistica per le Province di Oristano e del Medio Campidano avesse già evidenziato il contrasto con la disciplina del piano paesaggistico regionale (Ppr), di fronte al quale, dice il Grlg «la Provincia di Oristano bene avrebbe fatto a prenderne atto e invece ha ritenuto in buona sostanza che la variante urbanistica non dovesse esser assoggettata a procedura di Vas, lavandosene così le mani».

Ora quindi, l’azione per la salvaguardia della pineta pubblica litoranea si sposterà nel procedimento di valutazione di impatto ambientale (Via), nel quale l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus interverrà, come del resto già fatto (10 luglio 2014) nella procedura di verifica di assoggettabilità a Vas, appena conclusa. Ma ciò che preme al Grlg in questa fase è sottolineare che tale step si sarebbe potuto tranquillamente evitare, date le valutazioni espresse in merito, sia dal Servizio regionale Tutela paesaggistica per le Province di Oristano e del Medio Campidano che dal Ministero dell’ambiente – Direzione generale per le valutazioni ambientali, se solo «fosse prevalso il buon senso».

Nella foto: Stefano Deliperi del Grig
Commenti
25/6/2016
Da oggi, il sito riapre al pubblico anche nei fine settimana. L’Università degli Studi di Cagliari propone un’offerta completamente rinnovata, l’orario continuato e visite guidate in lingua straniera con nuovi servizi e spazi da scoprire
24/6/2016
Sul fondale della Baia c´è un tesoro scoperto quarant´anni fa, ma rimasto celato ai più fino ai giorni nostri. Il Comitato di Borgata vorrebbe che ora questo tornasse alla ribalta per essere conosciuto, per divenire un´ulteriore attrazione turistica tra le meraviglie che appartengono al comprensorio di Porto Conte
24/6/2016
Martedì, l´aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università ospiterà la conferenza finale del progetto finanziato dal Programma Enpi Cbc Med, di cui la Regione Autonoma della Sardegna è l’Autorità di Gestione
24/6/2016
Più controlli nei litorali e verifiche sui rifiuti abbandonati per strada: nuovi indirizzi che aumentano le sanzioni per i trasgressori. L´attività sarà potenziata con l´inserimento in organico di sei vigili stagionali
25/6/2016
Ad un anno di distanza i familiari e l’associazione culturale, costituita per ricordarlo, col patrocinio dell’amministrazione comunale, organizzano una serata in suo onore
24/6/2016
Ieri, a Roma, il Comune di Sassari (unico tra gli enti locali di grandi aree) ha ottenuto il riconoscimento da Legambiente e Raee. Il sindaco Nicola Sanna dedica il premio a Massimo Fresi
23/6/2016
Fuga dal campo rom, la situazione di degrado insostenibile costringe le famiglie residenti a scappare alla ricerca di aree vivibili
© 2000-2016 Mediatica sas