Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaAnimali › Blue Tongue, primo caso nell´Oristanese
S.A. 20 ottobre 2014
Le analisi svolte nei giorni scorsi confermano la positività al virus della febbre catarrale ovina su un ariete deceduto nelle scorse settimane
Blue Tongue, primo caso nell´Oristanese


ORISTANO – Primo caso confermato di Blue Tongue in provincia di Oristano nel 2014. Si tratta di un ariete appartenente a un gregge di Sedilo deceduto poche settimane fa con alcuni dei sintomi tipici della Febbre catarrale ovina. A mettere in allerta i veterinari del Servizio di Sanità Animale della Asl 5 di Oristano erano stati l'edema labiale e lo scolo nasale, comuni negli animali che contraggono la malattia, e questo li aveva indotti a compiere tutti gli accertamenti del caso per verificare l'effettiva causa del decesso. «Abbiamo inviato all'Istituto Zooprofilattico di Teramo (istituto nazionale di riferimento per la malattia, ndr) gli organi dell'animale – spiega Antonio Montisci, responsabile del Servizio di Sanità Animale della Asl oristanese – lì è stata compiuta la ricerca del Pcr, ovvero del Dna virale, ed oggi ci sono stati comunicati i risultati: è emerso che l'ariete era effettivamente affetto da sierotipo 1 del virus della Blue Tongue, sierotipo che è quello contro cui stiamo attualmente vaccinando i capi ovini».

«L'animale era stato vaccinato tre giorni prima del decesso, ma dato che l'antidoto ha bisogno di 21 giorni per riuscire a immunizzare l'animale, non ha in pratica avuto il tempo di svolgere la sua funzione» chiarisce Montisci. Quello che le analisi possono escludere con certezza è che si sia trattato di un incidente vaccinale, come si poteva ipotizzare in un primo momento: «Alla luce dei referti arrivati da Teramo, possiamo dire con sicurezza che l'ariete non è morto per un effetto collaterale del vaccino, perchè quello attualmente utilizzato è un vaccino spento, ovvero il virus non è presente, mentre nell'animale di Sedilo è stato rinvenuto il virus».

«Questo caso, che resta per ora il primo e unico caso registrato in provincia di Oristano quest'anno, ci indica che la circolazione virale della Blue Tongue è ancora presente nella nostra provincia e che la vaccinazione è necessaria, ma anche che sta funzionando – conclude il responsabile del Servizio di Sanità Animale – Lo scorso anno, in cui le greggi non sono state vaccinate, abbiamo avuto oltre 1200 focolai di Febbre catarrale ovina, con più di 27.000 pecore morte, mentre quest'anno abbiamo finora registrato un solo caso: il merito è della vaccinazione. Invitiamo dunque gli allevatori ad aderire alla campagna di prevenzione, anche perchè ricordiamo che, diversamente dal passato, oggi si tratta di un vaccino spento e dunque più sicuro per le greggi».
Commenti
23/3/2017
Alcuni giorni fa, una cucciola è stata trovata lungo la strada, all´altezza della seconda casa cantoniera dopo Scala Piccada. Senza microchip, ha la coda mozza e portava un collare marron
23/3/2017
Riunione tecnica a Cagliari per definire una strategia condivisa per l’eradicazione della specie di ibridi di cinghialexmaiale sulle Isole di Caprera e La Maddalena
23/3/2017
L’associazione algherese "Fuori di Zampa" sostiene la gestione diretta del Canile di Santa Maria la Palma dove risiedono circa 250 cani e rivolge un appello all'amministrazione comunale
16:33
L’assessorato del Lavoro avvierà corsi specifici per formare gli operatori professionali, divisi per tipologia in corsi propedeutici, base e avanzati.
22:02
«Tra gli allevatori c’è molta preoccupazione», denuncia il il presidente della Coldiretti Gallura Gianbattista Manduco
© 2000-2017 Mediatica sas