Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoAmbienteAgricoltura › Prevenzione incendi: sgravi fiscali per le imprese
D.C. 2 ottobre 2014
Fino a 6 metri cubi di depositi di carburante, gli imprenditori agricoli saranno esonerati dagli adempimenti amministrativi in materia di prevenzione incendi
Prevenzione incendi: sgravi fiscali per le imprese


ORISTANO – Una importante novità investe il mondo agricolo, esonerato da alcuni adempimenti amministrativi assai gravosi, in presenza di depositi di carburante fino a 6 metri cubi. È la legge a stabilirlo e precisamente ad esonerare tutti gli imprenditori dagli adempimenti previsti in materia di prevenzione incendi.

Prima infatti tutte le attività agricole erano sottoposte al controllo di prevenzione incendi da parte dei competenti comandi provinciali dei Vigili del Fuoco, con la segnalazione certificata di inizio attività, nonché la asseverazione, a firma di un professionista abilitato, corredata da una specifica relazione tecnica di riferimento: un iter dispendioso e severo. Ora invece, saranno esonerati da tali disposizioni gli agricoltori con depositi di carburante fino a 6 metri cubi che, nella provincia di Oristano rappresentano sicuramente la maggioranza.

Infatti, dalle coltivazioni di ortive fino a quelle cerealicole e risicole, la struttura aziendale consente di non sovraccaricarsi di carburante e di rifornirsi all’occorrenza per gli ulteriori lavori da eseguire nei campi. «Si tratta di un risultato importante che Coldiretti ha perseguito con insistenza - ha dichiarato il direttore provinciale Ermanno Mazzetti - fino a predisporre una proposta emendativa al decreto legge numero 91 del 2014, per ottenere l’esonero citato».

«Infatti – ha poi proseguito dicendo - in una materia di per se complessa ed impegnativa, in un mondo dove la burocrazia impegna in termini temporali ed economici le aziende, tutte le semplificazioni rappresentano dei risultati molto positivi». Restano immodificate invece, tutte le norme che attengono l’omologazione delle cisterne e il loro posizionamento in sicurezza dentro le aziende «disposizioni complesse – ha aggiunto in conclusione Mazzetti - che richiederanno comunque alle aziende parecchi sacrifici, soprattutto nella sostituzione delle cisterne non omologate».
Commenti
22/6/2017
L´assessore regionale dell´Agricoltura ha consegnato al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali la delibera sulla dichiarazione dello stato di calamità naturale dovuto al perdurare della siccità in Sardegna
23/6/2017
40milioni di euro per la siccità e commissario straordinario per il prezzo del latte: queste le richieste di Coldiretti Sardegna, che oggi ha organizzato contestualmente un´assemblea straordinaria ad Abbasanta ed una manifestazione di protesta lungo la Carlo Felice
22/6/2017
Via libera dall´Organismo interprofessionale latte ovino sardo alla spesa dei 14milioni di euro finanziati dal Consiglio regionale: 12 saranno diretti ai pastori, mentre 2 saranno riservati ai bandi per gli indigenti
24/6/2017
La protesta inscenata oggi dal comparto agropastorale sardo dimostra ancora una volta che i 14milioni stanziati dalla maggioranza per fare fronte alla crisi del prezzo del latte non sono sufficienti, come abbiamo detto fin dal primo momento: servono almeno 40milioni, soldi che la Regione non è in grado di mettere in campo, perché non dispone di entrate sufficienti, dal momento che alla Giunta manca la capacità politica di esigere dal Governo le risorse che ci spettano, quote erariali in testa
© 2000-2017 Mediatica sas