Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoAmbienteAgricoltura › Fauna selvatica, oltre 1 mln di euro di perdite nell'Oristanese
A.B. 2 agosto 2014
Continua la conta dei danni. «Servono interventi urgenti e bisogna diminuire la popolazione dei nocivi», dichiara la Coldiretti Oristano
Fauna selvatica, oltre 1 mln di euro di perdite nell'Oristanese


CABRAS – Sono sempre più frequenti le segnalazioni dai territori dei danni causati da fauna selvatica. Cinghiali, nutrie, cormorani e, puntualmente, cornacchie e gabbiani: sono tantissimi gli operatori che nella sede della “Coldiretti Oristano”, in Via Cavour 6, manifestano forti disagi e denunciano ingenti danni.

Per ultima, la lettera del sindaco del Comune di Cabras, che evidenzia le ingenti perdite causate dalla sempre più numerosa presenza di cornacchie e gabbiani. Ettari ed ettari di coltivazioni di angurie e meloni sono state distrutte mettendo in ginocchio tante aziende agricole. Si stima un danno di 22mila quintali di meloni, per un valore di 900mila euro e di 12mila quintali di angurie per un valore di 180mila euro, vale a dire il 50percento del raccolto (con alcune aziende che hanno avuto il 100percento del danno, come avvalorato dalle ispezioni dei tecnici della Provincia). Numeri che possono crescere ancora, rendendo la situazione ancor più insostenibile e drammatica. Coldiretti ha più volte sottolineato come, in una provincia dove l’agricoltura garantisce posti di lavoro ed occupazione a numerose famiglie, il problema della fauna selvatica debba trovare una soluzione. Non è purtroppo sufficiente risarcire i danni, ma occorre contrastare la presenza dei selvatici. Infatti, l’aumento del numero di alcune specie, tra tutte le cornacchie, sta causando problemi anche a colture che in passato non subivano alcun attacco, come quelle di pomodoro. Dunque, in prospettiva, la situazione appare ancor più preoccupante.

Per il direttore della Coldiretti Ermanno Mazzetti, occorrono interventi urgenti non rinviabili nel tempo, proprio per diminuire il numero degli animali nocivi (specie cornacchie, cormorani e nutrie), attivando azioni straordinarie capaci di incidere concretamente e dare risposte a tanti settori produttivi esposti a serio rischio. Per Mazzetti, si tratta di ricreare i tratti fondanti di un equilibrio tra attività produttive ed ambiente, oggi fortemente a rischio e non governato, senza per ciò inficiare il patrimonio faunistico provinciale. Insomma, Coldiretti, come anche suggerito dal sindaco di Cabras Cristiano Carrus, ritiene che la convocazione di un incontro urgente tra le istituzioni preposte sia tra le priorità per affrontare e dare soluzioni al problema.

Foto simbolo
Commenti
8:16
Pronta la documentazione da inviare alla Giunta regionale ed al Ministero delle Politiche agricole per la richiesta di accreditamento dell´organismo interprofessionale
22/11/2017
Le aziende consortili potranno godere di una riduzione superiore al 60percento. «Conquista importante a vantaggio dei nostri soci», dichiarano i vertici del Consorzio di bonifica della Nurra
23/11/2017
Sul finanzimento di 13euro a capo ovicaprino, è già stato pagato un totale di quasi 6milioni di euro. È il bilancio del terzo aggiornamento, che periodicamente pubblica l’Agenzia Argea Sardegna, sullo stato delle erogazioni dei 45milioni stanziati dalla Regione
22/11/2017
Sei aziende agrituristiche dell´associazione Terranostra ed iscritte alla rete di Coldiretti Nuoro Ogliastra hanno partecipato all’Agri@Tour per formarsi e migliorare i servizi
© 2000-2017 Mediatica sas