Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieolbiaCronacaCronaca › Marinella: recuperate 97 nasse dal fondale
Red 11 aprile 2019
L’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci ed il Nucleo Operatori subacquei di Cagliari hanno svolto anche attività operativa e sono intervenuti in favore dell’ambiente marino, per la tutela delle risorse ittiche
Marinella: recuperate 97 nasse dal fondale


GOLFO ARANCI - Proprio oggi (giovedì), si è tenuta a Golfo Aranci la celebrazione della “Giornata del mare”, con fini divulgativi ed educativi in favori dei più piccoli, per promuovere la cultura del mare e la tutela dell’ambiente marino. L’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci ed il Nucleo Operatori subacquei di Cagliari hanno svolto anche attività operativa e sono intervenuti in favore dell’ambiente marino, per la tutela delle risorse ittiche. Tutto è iniziato, l'8 marzo, quando la Guardia costiera di Golfo Aranci aveva provveduto a recuperare e sequestrare novantotto nasse posizionate abusivamente senza i prescritti segnali. Il sospetto, tuttavia, era che in fondo al Golfo di Marinella erano rimaste ancora delle nasse, e tale attrezzo da pesca, posizionato in mare, continua ancora a pescare, arrecando grave danno alle specie marine; infatti, i pesci rimangono intrappolati nell’attrezzo.

Per questo motivo, l’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci al comando del tenente di Vascello Angelo Filosa, coordinato dal direttore marittimo capitano di Vascello Maurizio Trogu, ha provveduto a richiedere l’intervento del Nucleo Operatori subacquei di Cagliari, per andare a verificare, nei fondali del Golfo di Marinella, la presenza dei residui attrezzi da pesca sommersi. Pertanto, i sommozzatori della Guardia costiera, coadiuvati dalla motovedetta della Capitaneria di porto di Olbia Cp2116, e dal personale di Golfo Aranci, si sono recati nella zona nel Golfo di Marinella e hanno rinvenuto ad una profondità di circa 15metri, altre novantasette nasse giacenti nel fondo. Il personale del Nucleo Operatori subacquei di Cagliari provvedeva a recuperare tutte le nasse, mentre a bordo il personale di supporto liberava polpi, murene e pesci intrappolati. L’attività proseguiva anche con l’asportazione di tre corpi morti abusivi, probabilmente utilizzati da diportisti scorretti durante la stagione balneare.

Le nasse ed i corpi morti venivano poi trasferiti nel Porto di Golfo Aranci e qui posti sotto sequestro da parte dell’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci. La particolarità dell’attività e del recupero delle nasse posizionate abusivamente, e non segnalate, è anche nel fatto che, a gennaio, un pescatore locale aveva lamentato il furto di ben 280 nasse. Infatti, le prime novantotto nasse sequestrate l'8 marzo sono state riconosciute di proprietà del pescatore che aveva subito il furto e, probabilmente, dalla particolare fattura, anche queste altre novantasette nasse potrebbero appartenere al pescatore derubato. Pertanto, l’Ufficio Circondariale marittimo di Golfo Aranci ha avviato le procedure per verificare la possibilità di restituire le nasse al legittimo proprietario.
Commenti
23/5/2019
La locale Guardia costiera blocca in porto un’altra nave che non rispetta gli standard minimi di sicurezza previsti dalle normative internazionali: è la motonave Sea Music, battente bandiera moldava
22/5/2019
Nell’ambito dei quotidiani controlli finalizzati al rispetto delle prescrizioni da parte delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale diverse dalla detenzione carceraria, i Carabinieri della Stazione di Ollolai hanno arrestato in flagranza per il reato di evasione un uomo, originario della provincia di Sassari
22/5/2019
Ieri mattina, il team specialistico della Capitaneria di porto–Guardia costiera ha sottoposto a fermo amministrativo la Akasya 1, motonave battente bandiera delle Comore con undici persone di equipaggio
22:02
Sabato sera, su disposizione del questore Massimo Alberto Colucci, la Polizia di Stato ha effettuato un servizio mirato alla prevenzione ed alla repressione dei pericoli conseguenti alla guida in stato di ebrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope
21/5/2019
ittime del delitto due allevatori 80enni, Pietro Secci e Carmelino Marceddu, trovati senza vita, dopo una lunga ricerca da parte delle forze dell´ordine, nel terreno di loro proprietà, in località Baralla, tra Riunas e Allai
15:21
L’operazione della scorsa notte era finalizzata non solo a preservare le risorse ittiche del luogo, ma anche a tutelare i pescatori professionali, che in regime di pesca in esclusiva quotidianamente svolgono la propria attività nel rispetto delle leggi, oltre ai consumatori che hanno il diritto di acquistare prodotti sani e con una filiera sicura
22/5/2019
Ad un 43enne catanese, appartenente all´etnia roma dei camminanti e già noto alle Forze dell´ordine, sono stati sequestrati tutti gli “arnesi” da lavoro ed è stato denunciato dai Carabinieri della Stazione
22/5/2019
Il provvedimento, che durerà cinque giorni, è stato adottato dalla Questura in quanto, in più circostanze, è stata accertata nel locale la presenza di persone pericolose, gravate da precedenti di polizia, nonché il verificarsi di fatti reato avvenuti all’interno e all’esterno del circolo. Inoltre, in più occasioni, si è reso necessario l’intervento della Polizia per segnalazioni di schiamazzi notturni imputabili agli avventori del locale, musica alta e disturbi alla quiete pubblica
22/5/2019
Le Fiamme gialle del Reparto Operativo aeronavale e del Gruppo Aeronavale di Cagliari, in stretta sinergia con la locale Capitaneria di porto, hanno intercettato nelle acque a sud di Capo Teulada quattro barchini, identificati quarantasei migranti e sequestrati quattro motori fuori bordo
22/5/2019
L’attività degli uomini del 15esimo Centro controllo area pesca ha portato al sequestro di 335chilogrammi di prodotto ittico, 150 nasse, una rete da pesca di 3700metri e, ad Alghero, 3200 ricci. Sono state effettuate quarantanove ispezioni tra ristoranti, pescherie, venditori ambulanti, e diciassette ispezioni a motopesca in mare. Elevate sanzioni per circa 10mila euro
© 2000-2019 Mediatica sas