Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziesassariPoliticaSanità › Sanità: Autodeterminatzione, sit-in a Thiesi
Red 16 novembre 2018
Il movimento politico si dichiara contro «la riforma della rete ospedaliera voluta dalla Giunta Pigliaru e supinamente accettata dalla stragrande Maggioranza del Consiglio regionale, che determina di fatto la chiusura di interi ospedali periferici, la drastica riduzione dei posti letto e/o l’abolizione di interi reparti degli ospedali pubblici sardi»
Sanità: Autodeterminatzione, sit-in a Thiesi


THIESI - «La sanità non deve produrre profitti, ma benessere». Questo il chiaro concetto espresso dai rappresentanti di Autodeterminatzione, che si schierano apertamente «contro la riforma della rete ospedaliera voluta dalla Giunta Pigliaru e supinamente accettata dalla stragrande Maggioranza del Consiglio regionale, che determina di fatto la chiusura di interi ospedali periferici (La Maddalena, Ittiri, Thiesi, Bosa, Ghilarza, Sorgono, etc.), la drastica riduzione dei posti letto e/o l’abolizione di interi reparti degli ospedali pubblici sardi».

«In questi anni, nel nome del risparmio e dei conti – proseguono - abbiamo assistito al progressivo impoverimento dell’offerta pubblica dei servizi sanitari. Interi territori della nostra Isola risentono della carenza di medici e pediatri di base, gli ambulatori di igiene pubblica si diradano sempre più, i presidi di primo soccorso sono destinati a ridursi ulteriormente, la dilatazione delle liste d’attesa per le prestazioni specialistiche e per gli esami strumentali ha raggiunto ormai tempi inaccettabili. Il diritto alla salute è continuamente messo in discussione e con sempre maggiore frequenza una quota non indifferente della popolazione rinuncia alle cure e alla prevenzione, il 14.6percento dei sardi contro il 4.9percento della media nazionale. Il nord Sardegna, già penalizzato rispetto alla distribuzione dei servizi sanitari delle restanti zone dell’Isola, rischia un’ulteriore danno per effetto della prossima apertura del Mater Olbia, ospedale con profitti privati, ma con costi milionari imputabili a spese pubbliche».

Di fronte a questo «desolante e preoccupante orizzonte», Autodeterminatzione dichiara la sua ferma contrarietà all’intera riforma della Sanità sarda. «Riteniamo che il diritto alla salute e al benessere vada difeso con politiche di riconversione dei presidi sanitari territoriali e non con la loro abolizione, con il rafforzamento dell’offerta dei servizi di prevenzione quali la medicina specialistica e gli esami strumentali al fine di ridurre le liste d’attesa e favorire l’accesso alle cure. Per tale motivo invitiamo tutti a partecipare a sit-in di protesta presso le strutture ospedaliere a rischio di chiusura e/o forte ridimensionamento nel nostro territorio, a cominciare dall’Ospedale di Thiesi il giorno 17 novembre 2018, per poi proseguire nelle settimane successive a Ozieri ed Alghero», concludono i membri del movimento.
Commenti
17/5/2019
L’assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, si è recato in visita all’Ospedale San Martino di Oristano ed alla struttura sanitaria della Casa Circondariale Salvatore Soro di Massama
18/5/2019
Al centro della denuncia, la carenza cronica del personale infermieristico nei presidi di Sassari e Alghero. Il Segretario Provinciale Nursing Up, Alessandro Nasone, ha indirizzato una nota al Presidente della Regione. Di seguito la nota integrale
10:25
Pileri: Ancora neanche un euro del fondo di integrazione salariale. A porre la questione, nel dibattito in corso sulla vicenda della clinica è la segretaria territoriale per Sassari del Nursind, sindacato autonomo degli infermieri
18/5/2019
Stefano Campus e Maria A. Salis (Cgil Sanità) intervengono ancora per le precarie condizioni del laboratorio analisi dell´Ospedale Civile di Alghero. Nuova richiesta alla direzione sanitaria
17/5/2019
Lo afferma l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao che aveva posto la questione peste suina alla Commissione Europea.La liberalizzazione dei prodotti ottenuti con carni sarde potrà avvenire dopo l’ispezione comunitaria, già prevista per il prossimo mese di giugno
© 2000-2019 Mediatica sas