Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziealgheroPoliticaPolitica › Nasce Destra democratica italiana
Red 6 novembre 2018
Il presidente Andrea Sechi, il vice Pierfrancesco Saddi ed il segretario nazionale Gianfranco Langella, con tutto il Direttivo nazionale e regionale, presenteranno il nuovo soggetto politico domenica mattina ad Alghero
Nasce Destra democratica italiana


ALGHERO - E' nato in Sardegna un nuovo soggetto politico. E' Destra democratica italiana e vuole «inserirsi nel panorama politico sardo con proposte e progetti concreti per il rilancio della Sardegna e, in particolare, del nord ovest dimenticato e maltrattato da questa Giunta regionale». In Destra democratica, spiegano i rappresentanti, «è confluito il 60percento dei tesserati di Fratelli d’Italia, che hanno deciso di lasciare un partito nel quale non si riconoscevano più creando un nuovo Movimento nazionale. A rendere possibile la nascita di Destra democratica italiana è stato il terremoto politico accaduto qualche mese fa all’interno di FdI dove un folto nucleo di tesserati non ha rinnovato l'iscrizione al partito ed è andato via sbattendo la porta».

«Il motivo della rottura – proseguono i vertici di Ddi - è stato la mancanza di rinnovamento e i pochi spazi a disposizione di chi veramente voleva lavorare per una Sardegna e un'Italia migliore. Un partito che sta tornando indietro nel tempo e che ha spinto molti tesserati ad allontanarsi: dal Lazio alla Lombardia, alla Toscana e non ultima la Sardegna, Cagliari, Olbia, Oristano, Sassari, Alghero e tante altre realtà locali hanno così deciso di dire basta a un partito che non vuole ascoltare ne chi lo rappresenta ne la gente. Abbiamo fatto di tutto per parlare con i vertici di Fratelli d'Italia, lamentando irregolarità e fatti di un certo peso, ma nonostante l’invio di raccomandate e pec certificate, non si è mai avuto riscontro scritto e  le poche volte che si è avuto  un contatto telefonico, hanno tergiversato, precisando che chi chiedeva gli incontri rappresentava oltre la metà dei tesserati e quindi la maggioranza. Ovviamente, a fronte di tutto ciò, esiste documentazione certa che lo rappresenta».

«Dopo questo sfogo voluto e cercato da tutti gli ex tesserati, che mai hanno smesso di incontrarsi e di fare politica, si è deciso di dare vita a un nuovo movimento politico: Destra democratica italiana. Non tutti – insistono - hanno il coraggio di intraprendere una nuova avventura, lasciando il certo per l’incerto e costruire un nuovo progetto politico nazionale quando invece sarebbe stato più facile cavalcare l’onda e salire sul cavallo vincente. Niente di tutto questo, anzi più motivati che mai lavoreremo per individuare e valorizzare le sinergie necessarie alla ricostruzione economica, sociale e culturale della nostra Nazione legate a ogni singola regione. Ogni rivoluzione deve iniziare dal basso, coinvolgendo i territori, portando avanti la teoria federalista, la quale asserisce che il federalismo implichi un sistema costituzionale robusto e che incentiva la partecipazione democratica. I nostri tesserati sono interessati e entusiasti di questo nuovo soggetto politico pronto a stare con la gente nel portare avanti le problematiche di ogni singolo territorio».

«Le delusioni vanno affrontate, senza smettere di sognare o perdere la speranza in quello in cui si crede fermamente, mantenendo la voglia di agire e andare avanti - hanno spiegato Gianfranco Langella ed Andrea Sechi, ex dirigente ed ex tesoriere cittadino di FdI, rappresentanti dei principali tesserati del partito nella provincia di Sassari - Siamo rimasti delusi della gestione e delle problematiche all’interno del partito da parte dei dirigenti regionali e nazionali. Più della metà dei tesserati di Sassari hanno deciso di lasciare il partito di Giorgia Meloni, considerato una nave senza comandante, privo di regia, organizzazione e obiettivi. E' nata cosi la voglia di continuare un pensiero di destra, senza appartenere alle vecchie logiche di partito imposte dai dirigenti regionali e nazionali di Fratelli d'Italia. Destra democratica italiana nasce da una speranza per chi ancora crede nella vera politica di destra - hanno concluso Sechi e Langella - Come si faceva un tempo, a contatto con la gente per ascoltare le voci di chi non può urlare e confrontarsi con chi ha idee e progetti. Destra democratica sarà un partito aperto a tutti che guarda il rinnovamento». Il presidente Andrea Sechi, il vice Pierfrancesco Saddi ed il segretario nazionale Gianfranco Langella, con tutto il Direttivo nazionale e regionale presenteranno Destra democratica italiana domenica 11 novembre, alle 10, nella sala congressi del Polisoccorso, in Via Liguria 14/16, ad Alghero. Sono invitati iscritti e simpatizzanti.

Nella foto: il segretario nazionale Gianfranco Langella
Commenti
9:35
Fadda vs Manconi: sproloquio fuori dal tempo. Il portavoce sassarese scelto ad Alghero da Marco Tedde in sostituzione di Delogu, bersaglio della piccante replica del consigliere comunale: «Forza Italia ad Alghero è davvero alla frutta secca»
10:46
Così l'esponente di Forza Italia Marco Tedde commenta la notizia data da Abbanoa di una sua vittoria in un procedimento avviato nei suoi confronti dall’Antitrust per pratiche scorrette e aggressive contro consumatori e piccole imprese sarde poste in essere nel periodo novembre 2017 – novembre 2018
19/3/2019
Per la scelta dell’indicato alla carica di sindaco di Sassari, il modello da applicare dovrebbe essere lo stesso che ci ha consentito eleggere Christian Solinas alla Presidenza della Regione Sardegna. Modello che preveda l’istituzione di un tavolo politico che stabilisca i confini della coalizione; la definizione di una piattaforma programmatica che individui priorità e tempistiche sulle questioni più urgenti da affrontare; la regolamentazione dei rapporti tra le varie forze che sostengono il progetto; l’individuazione dei criteri e delle caratteristiche ideali della personalità che dovrà guidare la coalizione
© 2000-2019 Mediatica sas