Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziecagliariCulturaScienze › Sinnova 2018: le innovazioni per la vita quotidiana
Red 12 ottobre 2018
La manifestazione che si sta tenendo negli spazi dell´ex Manifattura tabacchi, in Via Regina Margherita 33, si chiude oggi a Cagliari
Sinnova 2018: le innovazioni per la vita quotidiana


CAGLIARI - Se l’innovazione è una sfida collettiva, è pensare qualcosa di nuovo, creativo, tecnologico, utile, sostenibile, a Sinnova 2018 sono moltissimi i prodotti che puntano a migliorare la vita quotidiana, la salute e la casa. E proprio dall’edilizia e dall’aiuto al controllo dei consumi energetici parte il viaggio tra le imprese del sesto Salone dell’innovazione in Sardegna. Un nuovo ingresso nella famiglia Sinnova è “Milk ceramic”, una start up di Ossi che produce “Brick”, un particolare tipo di mattoni da tamponatura e da coibentazione da destinare al mercato dell'eco-bioedilizia, pensati per eliminare il problema della dispersione termica degli edifici. Aiuta al monitoraggio dei consumi, invece, “Igloo”, la lampada da tavolo ideata da “Sud legno”, start up di Ortacesus, che monitora i consumi all’interno dell’ambiente domestico. Con la sua tecnologia, la lampada comunica attraverso la luce i consumi della casa. Un sensore amperometrico collegato al contatore elettrico, trasferisce in wi-fi i consumi istantanei alla lampada, questa riceve i dati e cambia il colore della luce passando dal blu, consumo regolare, al giallo di transizione e fino al rosso.

Sono specializzate nella domotica le due imprese “@utomazioni” e “WiDom”. La prima presenta “DomoMea 2.0”, un sistema di automazione domestica per il controllo di luci, aperture, termoregolazione, carichi e controllo remoto, con hardware assemblato e software completamente sviluppato nell’Isola. WiDom ha realizzato dispositivi che possono essere installati dentro le scatole portafrutti, in quelle di derivazione, in prossimità dei punti luce, che trasformano un impianto tradizionale in uno domotico. Si concentrano sugli aspetti legati alla salute ed alla cura della persona due imprese del Cagliaritano: “Abacons” presenta a Sinnova 2018 il guanto per disabili non vedenti o ipovedenti, studiato come strumento di apprendimento per i bambini e di aiuto per gli adulti, il guanto è in grado di leggere in tempo reale i tag in Rfid, semplicemente passandolo sopra l’oggetto, consentendo così di far ricevere al disabile tutte le informazioni attraverso l’uso di un auricolare. Mentre “Nextage” ha realizzato “Fit colibrì”, una piattaforma, basata su Cloud, che permette all’utente di visualizzare il programma dell’attività fisica del paziente cronico, impostato da uno specialista di riferimento, e di inserire le attività svolte quotidianamente. Si dedicano alla cura della persona “Icnoderm”, con la sua linea di cosmesi “Sostantia”, creata senza l’utilizzo di emulsionanti e sul versante abbigliamento “Poema”, con i suoi sensori intelligenti da integrare ai vestiti, in grado di monitorare e rilevare la postura, cadute e temperatura corporea.

Si occupano di mobilità sostenibile, invece, “B810” e “Playcar”. La prima presenta il dispositivo “Smart padlock”, un lucchetto progettato e realizzato interamente da B810, che si inserisce nel mondo del bike sharing. Il lucchetto innovativo permette di interagire con lo smartphone e di raccogliere costantemente le informazioni della bicicletta grazie alla presenza di sensori dedicati come il Gps e l’accelerometro. Playcar è presente con “Playmoove-Smart mobility innovation”, una piattaforma capace di gestire, integrandole, tutte le componenti della mobilità sostenibile (car e bike sharing). Insieme all’attenzione per le persone e la vita quotidiana, Sinnova da spazio anche alle novità tecnologiche nel campo dell’ambiente, del monitoraggio dei consumie e della sostenibilità. Il sistema ideato e realizzato dalla start up cagliaritana “IoTopon” permette la realizzazione di una rete mobile di rilevazione di dati meteo. Si chiama “FitoBox” l’innovazione presentata dall’impresa femminile di Sassari, “Accoglienza Regina Margherita”: un box di fitodepurazione con canne palustri con un sistema di controllo dell’acqua in entrata ed in uscita. “Energia Mediterranea” offre invece agli operatori dell’energia rinnovabile un sistema per la gestione ed il monitoraggio dei flussi di energia nelle smart grid virtuali, mentre “Fluenter” si concentra in particolare sul monitoraggio delle acque e dei reflui. C’è poi “LifeTree” con “Namastree”, l’albero che eroga servizi salvavita quali acqua potabile, aria pulita, aria compressa, servizi di comunicazione per la richiesta di aiuto in caso di emergenza, energia elettrica per ricaricare cellulari, droni, biciclette, macchine elettriche ed infine, mettere a disposizione wifi gratuitamente. È dedicato al monitoraggio degli edifici il prodotto “Pro comfort di Stam”, un sistema intelligente di monitoraggio e controllo dei principali parametri dell’edificio, considerati responsabili del comfort delle persone, quali la temperatura, l’umidità, la concentrazione di Co2 e di inquinanti nell’aria.
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas