Skin ADV
Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziealgheroSaluteSanitàMazzata del Governo: ospedali a rischio
S.O. 13 settembre 2018
Bocciata dal Governo Lega-5 Stelle la nuova Rete ospedaliera della Regione Sardegna, e con essa la deroga voluta dalla Sardegna al Decreto Ministeriale 70 che prevede la chiusura dei piccoli ospedali. A rischio anche il Primo livello di Alghero-Ozieri
Mazzata del Governo: ospedali a rischio


ALGHERO - Mazzata sulla sanità sarda, ma soprattutto sui sardi. Non passa, infatti, la forzatura attuata da Giunta e Consiglio regionale che, nell'approvare la nuova Rete Ospedaliera, avevano previsto alcune decisive deroghe al Decreto Ministeriale 70. Tra queste, la salvaguardia di tutti gli ospedali e la sopravvivenza dei servizi sanitari dei territori anche più piccoli.

Niente da fare. Il Governo 5 Stelle-Lega boccia la riforma e richiede alla Regione Sardegna di applicare integralmente il Decreto Ministeriale 70, con tutte le pesantissime ripercussioni sui territori, e la chiusura, nel giro di poche settimane, degli ospedali di Iglesias, Guspini, Isili, Muravera, Bosa, La Maddalena, Tempio, Ozieri, Ghilarza e Lanusei. Un paradosso, se solo si pensa che alcuni di questi ospedali, per esempio Lanusei, è perfino di nuova costruzione.

Tra i territori e le strutture a rischio compare anche il presidio di Alghero-Ozieri, per il quale la Regione aveva previsto il Primo livello e l'apertura della Rianimazione (oltre al potenziamento degli altri servizi ricompresi al primo livello): Una scelta che il Governo romano mette seriamente a rischio. «Di atto gravissimo contro la sovranità del Parlamento Sardo» parlano i consiglieri regionali Pizzuto, Cocco, Lai, Dessena e Zedda.
Commenti
14:26
Lo ha detto l’assessore regionale dell’Agricoltura Gabriella Murgia agli ispettori della Commissione Ue in questi giorni nell’Isola per fare il punto sullo stato di attuazione del piano di eradicazione della Psa. Una visita che precede l’arrivo del commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis
© 2000-2019 Mediatica sas