Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaSoccorsi › Barca incagliata a Mal di Ventre
Red 1 luglio 2018
Ieri notte, giungeva alla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Oristano una chiamata di soccorso da parte di un’imbarcazione di circa 10metri, con tre persone a bordo, che riferiva di trovarsi in prossimità della spiaggia di Cala Pastori-Isola di Mal di Ventre, e che, dopo lo sganciamento della boa alla quale erano ancorati, stava finendo sugli scogli
Barca incagliata a Mal di Ventre


ORISTANO - Sabato notte, giungeva alla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Oristano una chiamata di soccorso da parte di un’imbarcazione di circa 10metri, con tre persone a bordo, che riferiva di trovarsi in prossimità della spiaggia di Cala Pastori-Isola di Mal di Ventre, e che, dopo lo sganciamento della boa alla quale erano ancorati, stava finendo sugli scogli. Veniva disposto l’invio della motovedetta Sar Cp893, che prontamente dirigeva nella zona dell’emergenza.

Visti i bassi fondali rocciosi e valutata la tipologia dell’emergenza, si provvedeva ad inviare sul posto il gommone della Guardia costiera B42 ed un gommone privato in assistenza alla Motovedetta che, giunta sul posto, comunicava che gli occupanti dell’imbarcazione si trovavano al sicuro sulla spiaggia, mentre il proprietario della stessa tentava di disincagliarla. I militari hanno provveduto a discagliare l’unità e ad iniziare le operazioni di trasferimento verso il porticciolo turistico di Torre Grande, la moglie e la figlia del proprietario dell’imbarcazione venivano trasbordate a bordo della motovedetta, mentre lo stesso rimaneva al timone della propria unità che, sotto la costante supervisione della motovedetta e del gommone, dirigevano verso il porticciolo turistico dove giungevano alle 4.30.

Grazie al tempestivo intervento delle unità navali della Guardia costiera, l'intera operazione di soccorso si è conclusa positivamente scongiurando, dopo l’incaglio, il possibile l'affondamento dell'imbarcazione con il conseguente danno al delicato ecosistema presente all’interno dell’Area marina protetta, nonché senza la presenza di alcun ferito a bordo.
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas