Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziesassariSaluteSanitàSmac, visite senologiche senza attesa
S.O. 22 maggio 2018
Le donne sono inserite in un percorso diagnostico che prevede esami specialistici e visite di controllo. Queste continueranno a essere seguite all'interno del percorso senologico per almeno cinque anni, con calendarizzazione personalizzata delle visite
Smac, visite senologiche senza attesa


SASSARI – Visite alla Smac, alla senologia multidisciplinare aziendale coordinata, senza tempi d'attesa, per donne sintomatiche che chiedono un accesso con urgenza attraverso ricetta del loro medico curante o con richiesta di urgenza degli specialisti. Alla Smac dell'Aou di Sassari, che da ottobre si trova nella seconda stecca bianca di viale San Pietro, accedono anche le donne che hanno avuto una diagnosi di carcinoma mammario. Queste continueranno a essere seguite all'interno del percorso senologico per almeno cinque anni, con calendarizzazione personalizzata delle visite e degli esami strumentali, in base alle caratteristiche della patologia.

Sono le precisazioni dell'Aou di Sassari, a seguito di una agenzia di stampa sulle liste d'attesa mammografiche, con le quali si spiegano le modalità di accesso per le donne che devono sottoporsi a una mammografia con una urgenza dichiarata dal medico. Possono accedere alla Smac tutte le pazienti sintomatiche che fanno la richiesta tramite il numero verde, lo sportello oppure la mail. Quindi le pazienti sintomatiche provenienti dallo Screening senologico e dalla Senologia clinica territoriale munite di impegnativa.

Le donnne sintomatiche che accedono al percorso vengono seguite da una infermiera case manager che si occupa dell'accettazione della paziente, dell'acquisizione della documentazione, dell'inserimento dei dati delle pazienti nella piattaforma informatica dedicata, della prenotazione degli esami specialistici, delle visite di controllo.
Il percorso quindi prevede l'attivazione di indagini di primo livello, di secondo livello e l'intervento del team multidisciplinare che valuta gli esami clinici e concorda i criteri di priorità.

Il team multidisciplinare è composto da diversi professionisti: chirurgo senologo, chirurgo plastico, oncologo, anatomopatologo, radiologo, radioterapista, medico nucleare, psicologo, fisiatra e infermiera case manager. Le donne asintomatiche, invece, quelle nella fascia di età compresa nel programma screening (50-69 anni), dovranno chiamare il Centro Screening Ats al numero verde 800 66 33 55. Le pazienti asintomatiche che sono nella fascia di età non compresa nel programma screening dovranno chiamare il Centro unico di prenotazione (Cup), al numero 1533.
Commenti
13/12/2018
Peste suina africana: abbattuti altri novantadue capi a pascolo brado illegale. Dalle analisi sugli animali depopolati nelle ultime settimane, si sono potuti notare i primi segnali interessanti sulla regressione della Psa
11/12/2018
L´Ats Sardegna ha avviato il percorso di pianificazione delle modalità operative di coordinamento del Registro dei tumori della Regione Sardegna. Analizzati i processi informativi ed informatici destinati alla raccolta dei dati nell’intero contesto regionale
12:43
Ieri, il sindaco Nicola Sanna, l´assessore comunale Antonio Piu, il direttore sanitario dell´Azienda regionale per l´emergenza-urgenza della Sardegna Piero Delogu, la direttrice della centrale operativa del 118 di Sassari Michela Cualbu ed il comandante della Polizia municipale Gianni Serra hanno presentato alla stampa il nuovo totem con un Dae collegato telefonicamente al 118
15:07
Domani mattina, nella Sala Angioy della Provincia, in Piazza Italia, il movimento, davanti a pazienti e cittadini, ribadirà il proprio “No” alla riforma sanitaria
15:33
Il sindaco Mario Bruno ha ribadito all´assessore regionale della Sanità Luigi Arru ed ai vertici dell´Azienda tutela della salute della Sardegna l´esigenza imminente di provvedere alla sostituzione, anche provvisoria, dei professionisti in procinto di chiudere l´ambulatorio di Alghero, scongiurando gli inevitabili disservizi che andrebbero a verificarsi affidando pazienti pediatrici a medici generici
© 2000-2018 Mediatica sas