Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieportotorresCulturaPesca › Formazione nella filiera pesca a Porto Torres
M.P. 11 ottobre 2017
Nuove conoscenze e nuove competenze, da applicare alle professioni del mare, quelle di oggi e quelle che verranno. Questo in sintesi lo spirito dell’iniziativa pubblica che si è tenuta nei giorni scorsi a Porto Torres nel Palazzo del Marchese, dal partenariato dei Programmi Forma e Marino: Isforapi che ne è il capofila, Flag Nord Sardegna, Smeralda Consulting e Isogea,
Formazione nella filiera pesca a Porto Torres


PORTO TORRES - Nuove conoscenze e nuove competenze, da applicare alle professioni del mare, quelle di oggi e quelle che verranno. Questo in sintesi lo spirito dell’iniziativa pubblica che si è tenuta nei giorni scorsi a Porto Torres nel Palazzo del Marchese, dal partenariato dei Programmi Forma e Marino: Isforapi che ne è il capofila, Flag Nord Sardegna, Smeralda Consulting e Isogea, il Raggruppamento territoriale impegnato a rilevare il fabbisogno formativo nella filiera della pesca e dintorni. L'attività informativa era destinata alla marineria di Porto Torres. Tutto nasce dal bando Por Sardegna Fse 2014-2020 “Misure integrate tra sviluppo locale partecipativo e occupazione nell’ambito della Green & Blue economy", nel cui ambito il raggruppamento territoriale si è aggiudicato i programmi di formazione, per la Linea 2 e 3.

Si è giunti a Porto Torres dopo le tappe di Bosa e Stintino. Una delle chiavi di volta del programma, molto innovativo per questo settore,è la partecipazione alle scelte formative e di sviluppo del territorio, in una città che vanta una marineria numerosa ma in cui proprio la partecipazione degli operatori ha bisogno di essere fortemente incentivata. Attraverso il bando Green & Blue Economy, la Regione Sardegna mette insieme agenzie di tipo diverso (agenzie di Sviluppo locale e agenzie formative), con il compito di realizzare formazione “utile” per il territorio, non calata dall’alto ma cucita addosso alle esigenze degli operatori, delle aziende, e che coinvolga diverse categorie di utenti: disoccupati ed occupati, con una forte presenza di donne tra i fruitori della formazione.

L’obiettivo dichiarato è quello di contrastare la tendenza alla marginalizzazione delle professioni del mare. Nella prima fase di analisi territoriale, quella che ha portato alla candidatura ed alla selezione dei progetti, sono emersi diversi ambiti di creazione di competenze orientati su alcuni profili professionali: Manager di rete per la filiera della pesca, un profilo professionale medio alto, caratterizzato da competenze e conoscenze di sistema: gestione, legislazione, ambiente, programmazione europea, in grado di fornire risposte e servizi all’interno di un sistema, quello della pesca, che spesso non riesce a cogliere tutte le opportunità a disposizione. Ancora, profili più operativi di filiera: operatori della trasformazione e commercializzazione, riparazione e produzione di attrezzi da pesca, operatore tecnico subacqueo (Ots), pilota di Rov, il piccolo sottomarino senza pilota, teleguidato da una postazione remota.

Ma la fase di analisi non è finita: le Agenzie proseguono il viaggio lungo la fascia costiera che coincide con il territorio del Flag Nord Sardegna, da Bosa a San Teodoro, 931 km di sviluppo costiero, 124.275 abitanti, oltre 1.200 addetti complessivi, tra il diretto e l’indotto: questo percorso, partendo dai risultati della prima fase, dovrà indicare quali sono gli interventi formativi utili per raggiungere le finalità del programma.
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas