Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › «Azzerare per ripartire oltre il 2019»
M.T. 13 settembre 2017
«L´apertura della discussione con l´azzeramento della Giunta, con la rivisitazione del programma e di alcuni punti fondamentali da portare a conclusione è centrale come centrale, lo ripeto, deve essere il ruolo del Pd», dichiara Alessandro Nasone, che con il suo voto nella seduta di lunedì sera ha consentito l'approvazione del Rendiconto e il proseguimento dell'Amministrazione Bruno
«Azzerare per ripartire oltre il 2019»


ALGHERO - In Consiglio comunale contano i numeri. Senza quelli è impossibile amministrare. Lo ha capito bene il sindaco di Alghero, che in seguito al primo allontanamento di alcuni consiglieri eletti in maggioranza e l'addio recente di quelli dell'Udc (Loi e Marino) dopo la bufera giudiziaria che ha travolto il partito, rischiava la mancata approvazione del Rendiconto finanziario, col conseguente scioglimento del Consiglio da parte della Regione Sardegna. Da ieri però si apre una nuova fase: il capogruppo del Partito democratico, Mimmo Pirisi, è stato chiaro. Si aprono percorsi importanti per ricostruire un quadro riformista-democratico, in grado d'intercettare appieno le esigenze locali e dialogare compiutamente con Regione e Governo. Mettendo da parte personalismi, che hanno fatto tanto male al partito.

In queste settimane però, con i numeri si sono scontrati anche molti membri dell'Opposizione, che a furia di raccontare di catastrofi amministrative e urlare di drammi poco reali, hanno a loro volta perso pezzi decisivi (seppur transfughi) e una grossa fetta di credibilità, come nel più classico rimescolamento di ruoli e posizioni. In questo contesto, probabilmente, s'inquadrano le dichiarazioni del consigliere Alessandro Nasone, che lunedì scorso ha riabbracciato i vecchi compagni di maggioranza con un ragionamento semplice semplice: «Alghero non può essere citata o ricordata come la Città dei Commissari - ha detto Nasone - Alghero ha la necessità di essere governata è questo può accadere solo attraverso un ritorno della Politica, quella vera, al ragionamento politico, al pensiero critico e collettivo».

E questo secondo Nasone potrà avvenire «solo attraverso la Costituzione del tavolo del Centrosinistra, dove è inutile negarlo il Pd deve avere un ruolo centrale e propositivo insieme al sindaco, garante di tutte le forze politiche e civiche che si rifanno a quest'area. Solo così si può ritrovare quell'energia che porterà quest'Amministrazione a fine mandato. La ragione della mia decisione di votare “si” al Consuntivo è questa». Poi il consigliere indica indica la strada: «apertura della discussione con l'azzeramento della Giunta, con la rivisitazione del programma e di alcuni punti fondamentali da portare a conclusione». «Alghero si governa in quattordici e questa è l'unica soluzione possibile. Personalmente - conclude - non sono interessato a percorsi personali. Ho votato si, perché penso che sia l'ultima possibilità per una ricostruzione del Centrosinistra e per un buon governo della nostra città. Se la discussione che si aprirà nei prossimi giorni avrà un esito favorevole sono convinto che si apriranno scenari interessanti ed importanti che possano guidare Alghero al di là del 2019».

GUARDA L'INTERVENTO DI ALESSANDRO NASONE IN CONSIGLIO COMUNALE

Nella foto di copertina: il consigliere comunale Alessandro Nasone e i tre ex amministratori di Forza Italia, Camerada, Pais e Pirisi
Commenti
17:43
Pubblicata la selezione per l´affidamento del servizio fino a dicembre, con possibilità di rinnovo per sei mesi
16:15 video
Massimo Cadeddu, nel Cda della Fondazione Alghero insieme a Dario Pinna, potrebbe essere eletto presidente nel corso della riunione in programma martedì al Quarter. «Pronti a importare un nuovo modello di programmazione e ad individuare nuove nicchie di mercato» dice l´uomo scelto dal sindaco col pieno supporto del sistema delle imprese del territorio. Poi l´elogio alla gestione-Sari sulla cultura. Su Alguer.it l´intervista con Cadeddu.
18/7/2018 video
«Lascio una Fondazione sana nell´organizzazione e nel bilancio. Credo che l´apertura ai privati richieda nuovi spazi per le nuove energie ed entusiasmi di cui la città di Alghero ha sempre bisogno. Ho cercato di lavorare con la massima onestà e impegno, spero di esserci riuscito almeno in parte». Parole di Raffaele Sari Bozzolo che sul Quotidiano di Alghero traccia un primo bilancio dell´esperienza che, per due anni, lo ha visto alla presidenza della Fondazione Alghero.
19/7/2018
Sono due ed ammontano a 582mila euro per un esproprio del 1978 e per un contenzioso del 2009. «Garantiremo i servizi essenziali, ma saremo costretti a rivedere il programma di governo», dichiara il sindaco Nicola Sassu
14:41
Questa mattina, il sindaco di Sassari ha incontrato i rappresentanti del Gremio dei muratori e della Cassa edile del nord Sardegna, che hanno voluto festeggiare con lui il sodalizio tra l´Ente ed il Gremio
18/7/2018
Il sindaco di Alghero ringrazia pubblicamente l´ormai ex presidente della Fondazione e il componente del Cda per la competenza, l´impegno e la disponibilità non comuni: «siete e rimarrete una risorsa per la città»
19/7/2018
Sono loro i due nuovi componenti del Consiglio d'amministrazione della Fondazione Alghero, l'ente che in Riviera del corallo si occupa di valorizzare e gestire i beni del patrimonio culturale, ne promuove la conoscenza e contribuisce alla promozione dei beni museali, teatrali, turistici, ambientali e paesaggistici
19/7/2018
Per Conoci, Piras, Lubrano e compagni, le dimissioni di Raffaele Sari dalla presidenza della Fondazione Alghero sarebbero solo ed esclusivamente dovute alla sete di poltrone del Partito democratico
© 2000-2018 Mediatica sas