Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotiziesardegnaOpinioniAeroportoAerei, troppi diritti fino ad oggi negati
Salvatore Cicu 11 luglio 2017
L'opinione di Salvatore Cicu
Aerei, troppi diritti fino ad oggi negati


Il totale fallimento del bando della Regione Sardegna per la continuità territoriale da Cagliari su Roma e Milano è la peggior conferma dell'inadeguatezza della Giunta Regionale nella gestione della politica dei trasporti. Una Giunta che invece di attrarre imprese le fa scappare, come sono scappate Alitalia e Ryanair che non hanno fatto alcuna offerta per il bando. Mentre il Governo Regionale indebolisce sempre più il diritto alla mobilità dei sardi il Parlamento europeo ha recentemente riconosciuto la “condizione di insularità” per la Sardegna, e anche per la Sicilia, grazie ad una mia risoluzione approvata a larga maggioranza, che ha fatto assurgere a livello europeo questa vertenza.

Occorre ora dare seguito a questa risoluzione che consente di superare gli ostacoli normativi posti dal regime di libera concorrenza rispetto al principio della continuità territoriale, concedendo per il sistema dei trasporti della Sardegna, ma anche della Sicilia, quei benefici economici necessari per colmare un oggettivo gap geografico, ma senza incorrere nei divieti Ue. Oggi bisogna ripensare ad un nuovo modello di continuità territoriale per la Sardegna, un modello che sia in grado di calmierare i prezzi e aumentare i posti a disposizione.

Serve un’impostazione nuova, un mercato più aperto, e vantaggi reali per i sardi. Onestamente risulta anche paradossale l’atteggiamento di Alitalia che da un lato non partecipa al bando ma poi si affretta a dichiarare che la compagnia aerea continua a ritenere strategica la sua presenza in Sardegna. Se è strategica, c'è da chiedersi, perché l’ha abbandonata? Purtroppo, in questi anni, abbiamo assistito a tutto: navette, winter links, tariffe variabili e altre promesse disattese. La verità è che da oggi la Sardegna, i suoi cittadini e le sue imprese, restano ancor più isolati. Per questo occorre rivendicare con forza un intervento chiaro e rapido per ristabilire quei diritti fino ad oggi negati.

*europarlamentare Ppe
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas