Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoPoliticaRegione › Bonifiche Ferraresi: Dedoni chiama la Regione
Red 10 gennaio 2017
«Società Bonifiche Sarde, sulla cessione a Bonifiche Ferraresi si esprima il Consiglio Regionale», chiede il capogruppo dei Riformatori Sardi Liberaldemocratici Attilio Dedoni, firmatario di una mozione sull´argomento
Bonifiche Ferraresi: Dedoni chiama la Regione


ARBOREA - Bloccare immediatamente la procedura di vendita della Società Bonifiche Sarde e riferire in Consiglio Regionale sul perché le trattative per la cessione stiano procedendo soltanto con Bonifiche Ferraresi, mentre è stata ignorata l’altra offerta per l’acquisto dell’azienda agricola di Arborea di proprietà della Regione Autonoma della Sardegna, presentata da una cordata di imprenditori sardi. E' quello che chiede in una mozione rivolta alla Giunta Regionale il capogruppo consiliare dei Riformatori Sardi–Liberaldemocratici Attilio Dedoni.

«Solamente la proposta proveniente dalla società dell’Emilia Romagna - scrive Dedoni nella mozione - è stata ritenuta valida e sono state avviate tutte le procedure conseguenti finalizzate alla cessione del patrimonio e delle risorse umane». Nel frattempo, «i rappresentanti della cordata locale si sono rivolti ad un legale per vedere riconosciuti i propri diritti e, se del caso, intendono procedere anche per le vie giudiziarie». L’avvocato Mauro Barberio, che rappresenta la cordata di imprenditori agricoli sardi, ha infatti inviato una lettera di diffida al curatore fallimentare della Sbs, alla Sfirs, a Laore e, per conoscenza, all’assessore regionale alla Programmazione, nella quale contesta la legittimità del ricorso alla procedura privata in luogo di una negoziazione ad evidenza pubblica, che avrebbe obbligato il curatore a prendere in considerazione tutte le offerte, e chiede di azzerare la procedura, ripartendo da zero con il coinvolgimento di tutti i soggetti che hanno presentato manifestazioni di interesse. Il capogruppo dei Riformatori Sardi riferisce inoltre che la missiva sarà inoltrata per conoscenza anche all’Autorità nazionale anticorruzione.

Nel testo della mozione, Dedoni ricorda ancora che «sono interessati al processo di stabilizzazione occupazionale ventisei lavoratori, alcuni dei quali attualmente utilizzati dall’agenzia Forestas» e che «la Sbs potrebbe rappresentare un volano per il rilancio del comparto zootecnico sardo e come tale potrebbe essere oggetto di manovre speculative», sottolineando che l«a Sardegna non può continuare ad essere considerata terra di conquista, in totale dispregio degli imprenditori locali che tentano di rilanciare un comparto fondamentale per la ripresa economica». La mozione impegna pertanto l’Esecutivo «a predisporre, per quanto di competenza, la sospensione immediata delle procedure di vendita ed a riferire all’Aula» sulle scelte che hanno portato all’esclusione della cordata sarda. Inoltre, Dedoni invita «a valutare con la dovuta attenzione tutte le procedure in essere per evitare che la vendita del patrimonio si concretizzi in una mera operazione speculativa, come già accaduto in altre occasioni, con conseguente perdita di beni, capitali e livelli occupazionali».

Nella foto: il capogruppo consigliare Attilio Dedoni
Commenti
16:07
Mariano Contu e Gennaro Fuoco prenderanno il posto, rispettivamente, di Alberto Randazzo e Mario Floris, sospesi dalla carica per diciotto mesi insieme al collega Oscar Cherchi, in applicazione della Legge Severino
8:09
L’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras parteciperà a Sassari ed a Cagliari a due giornate di confronto dedicate alle imprese che hanno preso parte alle iniziative promosse dall´Assessorato dell´Industria nell´ambito del Programma triennale per l’Internazionalizzazione
© 2000-2017 Mediatica sas