Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoPoliticaAgricoltura › Agricoltura: Falchi a Milis
A.B. 14 marzo 2016
«Autenticità del paesaggio, valore aggiunto per i nostri prodotti», ha dichiarato l´assessore regionale dell´Agricoltura Elisabetta Falchi, durante la tavola rotonda dedicata al tema “I paesaggi delle produzioni”, nell’ambito della manifestazione “Primavera in giardino”
Agricoltura: Falchi a Milis


MILIS - «L’autenticità del paesaggio della Sardegna è una risorsa che dà valore aggiunto ai nostri prodotti agroalimentari: col Psr puntiamo anche sulla qualità del nostro territorio». Lo ha detto ieri (domenica), a Milis, l’assessore regionale dell’Agricoltura Elisabetta Falchi durante la tavola rotonda dedicata al tema “I paesaggi delle produzioni”, nell’ambito della manifestazione “Primavera in giardino”. «Il paesaggio della Sardegna è il risultato di millenni di storia in cui civiltà e culture diverse si sono succedute e intersecate nella sua struttura, costituendo una precisa "identità culturale" – ha spiegato Falchi – La percezione di un territorio autentico segnato dalla storia e che ancora riesce a conservare l’armonia della relazione tra uomo e ambiente è il maggiore punto di forza del brand Sardegna e come tale deve essere riconosciuto e usato quale maggiore valore aggiunto dei nostri prodotti: la Sardegna è identificata come terra incontaminata, essenziale, sana, armonica, pulita, e i prodotti di questa terra contengono per definizione tutte queste qualità».

La tutela del bene paesaggistico, soprattutto «negli spazi agrari limitrofi ai centri abitati oggi sottoposti a una vera e propria aggressione edilizia o al consumo distruttivo causato da eolico o fotovoltaico selvaggio - ha spiegato la titolare dell’Agricoltura - non è una battaglia di retroguardia: c’è sicuramente un valore culturale e identitario da trasmettere alle generazioni future, ma non possiamo trascurare che porta vantaggi economici sia per l’agroalimentare sia per il turismo». Lo dimostra l’esempio della Toscana, «una meta scelta dai turisti per le sue bellezze artistiche e architettoniche ma capace di richiamare visitatori interessati al cibo, al vino e alla bellezza di un paesaggio agrario curato e di grande fascino». Le aziende agricole, i pastori, i contadini, in Toscana, sono «attivamente impegnati nella salvaguardia del territorio e come conservatori del patrimonio naturale e storico».

Il filo conduttore del Psr, ha detto Falchi, «è la qualità dei prodotti, intesa non solo come organolettica o nutrizionale. ma anche come qualità del territorio che li produce». Per questo, «abbiamo dato grande rilevanza a quelle misure che impattano in maniera positiva sulle nostre zone rurali, col sostegno ai sistemi di agricoltura biologica integrata, al benessere animale e l’indennità compensativa che sostiene la presenza dell’agricoltore a presidio del territorio, soprattutto nelle aree marginali». Inoltre, «come è già stato con la fase finale di rimodulazione del Psr 2007-2013, vogliamo promuovere il turismo rurale mediante la creazione di itinerari culturali ed enogastronomici sostenibili, che recuperino le reti di comunicazione viaria esistenti: il nostro paesaggio agrario va curato e sosteniamo con forza la diffusione della cultura del decoro e del giardino di cui oggi, qui a Milis, abbiamo visto tanti affascinanti esempi. La nostra terra è la nostra ricchezza – ha concluso l’assessore dell’Agricoltura – dobbiamo amministrarla con saggezza e lungimiranza».

(Foto Regione Sardegna)
Commenti
22/6/2017
L´assessore regionale dell´Agricoltura ha consegnato al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali la delibera sulla dichiarazione dello stato di calamità naturale dovuto al perdurare della siccità in Sardegna
23/6/2017
40milioni di euro per la siccità e commissario straordinario per il prezzo del latte: queste le richieste di Coldiretti Sardegna, che oggi ha organizzato contestualmente un´assemblea straordinaria ad Abbasanta ed una manifestazione di protesta lungo la Carlo Felice
22/6/2017
Via libera dall´Organismo interprofessionale latte ovino sardo alla spesa dei 14milioni di euro finanziati dal Consiglio regionale: 12 saranno diretti ai pastori, mentre 2 saranno riservati ai bandi per gli indigenti
24/6/2017
La protesta inscenata oggi dal comparto agropastorale sardo dimostra ancora una volta che i 14milioni stanziati dalla maggioranza per fare fronte alla crisi del prezzo del latte non sono sufficienti, come abbiamo detto fin dal primo momento: servono almeno 40milioni, soldi che la Regione non è in grado di mettere in campo, perché non dispone di entrate sufficienti, dal momento che alla Giunta manca la capacità politica di esigere dal Governo le risorse che ci spettano, quote erariali in testa
© 2000-2017 Mediatica sas