Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoEconomiaEconomia › Rifiuti, Mefin Oristano prova a prendersi Amiu Genova
S.A. 3 marzo 2016
La società sarda in cordata con due multinazionali, già presenti in Italia, ha presentato ufficialmente al Comune di Genova una manifestazione di interesse per rilevare una quota di Amiu, la partecipata genovese che si occupa della gestione dei rifiuti
Rifiuti, Mefin Oristano prova a prendersi Amiu Genova


ORISTANO - Non solo Iren nel possibile futuro di Amiu. Trova conferme dai diretti interessati la notizia circolata nelle ultime ore di una società sarda, Mefin (Management Environment Finance Srl) di Oristano che, in cordata con due (al momento non meglio precisate) multinazionali, già presenti in Italia, ha presentato ufficialmente al Comune di Genova una manifestazione di interesse per rilevare una quota di Amiu, la partecipata genovese che si occupa della gestione dei rifiuti.

Secondo quanto appreso dai vertici della stessa Mefin, il progetto presentato consentirebbe di riorganizzare la raccolta dei rifiuti in maniera più efficiente anche attraverso la realizzazione di un impianto integrato per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani che privilegia il recupero di materia, comportando benefici ambientali ed economici e riducendo le tariffe a carico dei cittadini. La tecnologia utilizza dalla Mefin ha ottenuto certificazioni anche dall'Ente nazionale energie alternative (Enea).

«In particolare - spiega alla Dire la presidente di Mefin, Aurora Maria Mela, che è anche la firmataria del progetto inoltrato al Comune di Genova- il nostro sistema consente la selezione della parte secca dei rifiuti, al fine di operare il riciclo di materie prime come polimeri plastici, vetro, alluminio, ferro, carta e cartone, assieme al pretrattamento della frazione organica e la sua digestione. Il processo e'' finalizzato a ottenere biogas ed energia elettrica rinnovabile e, a completamento del ciclo, produrre ulteriore energia elettrica dagli scarti non riciclabili, costituiti in prevalenza da biomasse».
Commenti
10:58
Il patron di Moby ha un debito con lo Stato di 180 milioni di euro per l’acquisizione di Tirrenia in amministrazione straordinaria e la prima rata del Prezzo Differito, scaduta quasi un anno fa, non è stata pagata. È tutto nero su bianco nella settima relazione della gestione commissariale di Tirrenia che si riferisce al periodo che va dal 1° gennaio al 30 giugno 2016
11:00
A proporre l’emendamento alla manovra finanziaria il capogruppo regionale di Forza Italia Pietro Pittalis, l’ex assessore al turismo Luigi Crisponi (Riformatori) e il capogruppo del Psd’Az Angelo Carta
11:32
Nel corso della riunione verranno esaminati, in particolare, lo stato di avanzamento dell’iter di valutazione delle proposte presentate e i tempi per l’avvio dei progetti
© 2000-2017 Mediatica sas