Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoPoliticaSicurezza › «Attentati sindaci, attenzione a zone interne»
S.A. 22 febbraio 2016
E’ giusto rafforzare i presidi della legalità, ma prima di tutto è necessario un rilancio civile e sociale delle zone interne attraverso il potenziamento dei servizi ai cittadini e delle opportunità di sviluppo: così Attilio Dedoni sui recenti attentati ai sindaci di Desulo e Norbello
«Attentati sindaci, attenzione a zone interne»


NORBELLO - «Per affrontare all’origine il problema delle intimidazioni agli amministratori locali servono serie politiche di rilancio per le zone interne della Sardegna, che possano mettere un freno all’abbandono, allo spopolamento e al conseguente degrado civico e morale che pian piano, ma sempre più inesorabilmente, si insinua nelle comunità. Lo Stato, ma soprattutto la Regione, sono chiamati ad uno sforzo eccezionale prima che la situazione diventi veramente ingestibile», dichiara il capogruppo dei Riformatori Sardi – Liberaldemocratici in Consiglio regionale, Attilio Dedoni, qualche giorno dopo gli attentati contro i sindaci di Desulo e Norbello.

«Da ogni parte si sente ripetere che è necessario rafforzare la presenza dello Stato, nei termini di un maggiore dispiegamento delle forze dell’ordine», sottolinea Dedoni. «Mercoledì si insedierà, con un anno di ritardo, l’Osservatorio permanente sugli atti intimidatori contro gli amministratori locali. Ma la verità è che, per porre fine all’emarginazione, serve un’inversione a U nelle politiche di Stato e Regione per la Sardegna centrale. E’ giusto rafforzare i presidi della legalità, ma prima di tutto è necessario un rilancio civile e sociale delle zone interne attraverso il potenziamento dei servizi ai cittadini e delle opportunità di sviluppo. Non servono solo più caserme, servono più uffici postali, più scuole, più medici di base, più assistenza ospedaliera, più politiche sociali, più strade, più trasporto pubblico locale, più sostegno alle piccole economie: in breve, l’esatto contrario di quello che Stato e Regione hanno sempre fatto, vale a dire tagliare dove è più facile, dove le voci di protesta arrivano troppo deboli per impensierire chi siede nei palazzi del potere».

«Affrontare i problemi delle zone interne solo come un’emergenza di ordine pubblico è la negazione della democrazia - conclude il capogruppo -. Per questo, ben vengano iniziative come l’Osservatorio, ma i problemi vanno affrontati, non solo osservati. E per affrontarli servono risorse. La Giunta regionale si attivi presso il Governo per promuovere un’intesa istituzionale per il rilancio della Sardegna centrale, che stanzi le risorse necessarie per invertire la tendenza allo spopolamento e all’abbandono, per rendere vivibili i piccoli centri e non lasciare che il degrado abbia il sopravvento».
Commenti
27/8/2016
Prima delle leggi ci vuole la responsabilita´, l´uso consapevole della libertà di ciascuno di noi. «Giovanni Falcone ce lo ha insegnato: la lotta alla mafia è una battaglia di legalità e di civiltà. Per combatterla non bastano le leggi se prima non le abbiamo scritte nelle nostre coscienze». E’ il messaggio chiaro e diretto lanciato ieri da don Luigi Ciotti per la prima volta all’Asinara
16:41
Mercoledì 31 agosto 2016 si svolgerà la cerimonia di avvicendamento tra il Generale di Brigata Umberto Di Nuzzo ed il Generale di Brigata Bruno Bartoloni
© 2000-2016 Mediatica sas