Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoSaluteSanità › Risonanza magnetica a Oristano. Sessanta esami in più al mese
S.A. 25 gennaio 2016
Il piano, già operativo, prevede il sostanziale raddoppio delle prestazioni prenotabili dagli utenti esterni - alle sedici risonanze effettuate attualmente se ne sommeranno altre quindici settimanali – e ciò si tradurrà in un sensibile calo dei tempi d´attesa
Risonanza magnetica a Oristano
Sessanta esami in più al mese


ORISTANO - Accrescere il numero di prestazioni di risonanza magnetica effettuate presso il Dea (Dipartimento di Emergenza e Accettazione) dell'ospedale “San Martino” di Oristano per ridurre i tempi d'attesa per gli utenti che necessitino di tale esame diagnostico. E' questo l'obiettivo del piano di potenziamento predisposto dal direttore dell'Unità Operativa di Radiologia Marcello Mocci ed approvato dalla Direzione Generale della Asl 5 di Oristano. Il piano, già operativo, prevede il sostanziale raddoppio delle prestazioni prenotabili dagli utenti esterni - alle sedici risonanze effettuate attualmente se ne sommeranno altre quindici settimanali – e ciò si tradurrà in un sensibile calo dei tempi d'attesa.

Secondo la riorganizzazione studiata dal primario della Radiologia, il sabato mattina sarà possibile prenotare sei risonanze magnetiche in più rispetto a quelle attualmente prenotabili. A queste si aggiungerà un pomeriggio alla settimana, in cui verranno eseguite altre sei risonanze magnetiche, mentre altre tre saranno effettuate nell'arco della settimana, in orario mattutino. In tutto quindi, il servizio sarà in grado di garantire agli utenti esterni quindici risonanze aggiuntive alla settimana, che si tradurranno in sessanta esami al mese.

«Questo risultato è stato possibile grazie al trasferimento dell'attività mammografica al territorio, dove si sta lavorando per costruire un “polo donna” dedicato alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili – spiega Marcello Mocci – Ciò, nel frattempo, ci ha permesso di liberare risorse professionali da impiegare nella risonanza magnetica. A breve, grazie all'assunzione di due nuovi radiologi, saremo in grado di incrementare ulteriormente l'offerta diagnostica».

«Il piano di potenziamento dell'attività e del personale – commenta il Commissario Straordinario Maria Giovanna Porcu – è stato studiato per superare una delle maggiori criticità che la nostra Azienda presentava nel monitoraggio dei tempi d'attesa, quella relativa alle risonanze magnetiche. Grazie alla collaborazione e alla disponibilità dei professionisti dell'Unità di Radiologia, unita a un impegno della Direzione generale per fornire al servizio le professionalità di cui l'Unità ha bisogno, riusciremo infatti a dare una netta accelerata all'attività diagnostica e ad offrire una risposta più rapida ai nostri utenti».
Commenti
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
21/7/2016
La denuncia è del coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, che annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente in Consiglio regionale
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
© 2000-2016 Mediatica sas