Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoEconomiaAgricoltura › Fauna selvatica senza controllo. Coldiretti: nuove misure e azioni
S.A. 20 gennaio 2016
Coldiretti e Uecoop Sardegna scrivono a presidente Giunta Regionale e assessori: occorre una strategia di riequilibrio ambientale o appare indifferibile agire con indennizzi congrui
Fauna selvatica senza controllo
Coldiretti: nuove misure e azioni


ORISTANO - Fauna selvatica sempre al centro dell’ attenzione nelle campagne e stagni oristanesi. Con una lettera aperta Coldiretti Oristano ed Uecoop Sardegna scrivono al presidente della Regione Francesco Pigliaru, agli assessori regionali all’ agricoltura e ambiente Falchi e Spano e ai presidenti delle commissioni consiliari agricoltura, ambiente e bilancio per illustrare una problematica che rappresenta un pericolo costante per le imprese agricole e della pesca, periodicamente alle prese con l’azione di animali nocivi. Coldiretti Oristano e Uecoop Sardegna hanno più volte segnalato alle Istituzioni Regionali la eccessiva pressione nei territori di alcune specie. Animali che causano serissimi danni a colture, coltivazioni e compendi ittici, e che, a tutt’ oggi, rappresentano una presenza in costante aumento e ormai fuori controllo. Si riscontra una evidente alterazione nell’ equilibrio fondante tra ambiente e attività produttive.

Con l’ obiettivo di evitare una nuova stagione di danni, Coldiretti Oristano e Uecoop Sardegna ritengono prioritario «strutturare misure di contenimento dei nocivi, nel breve e lungo periodo, in quanto i tanti fronti aperti necessitano di una strategia di azione tesa al riequilibrio ambientale. Appare indispensabile avviare misure e ragionamenti complessi sul contenimento dei danni, senza i quali pare ineludibile, il ricorso agli indennizzi per compensare il mancato reddito degli operatori».

Paradossalmente, però, mentre nei compendi ittici e nelle campagne aumentano i danni, gli indennizzi diminuiscono. Nel quadriennio 2013/2016, le risorse per fauna selvatica e ittica non sono state congrue alle perdite subite, diminuendo da 2 milioni di euro del 2013, a 1 milione e 500 mila euro nel 2014, 1 milione e 600 mila euro nel 2015, 1 milione di euro nel 2016. In una simile situazione rimarcano il direttore Coldiretti Oristano Giuseppe Casu e il presidente Uecoop Sardegna Vittorio Cadau «richiediamo un impegno per attivare piani che affrontino il problema in modo celere perfezionando quanto di buono finora fatto ed avviando gli interventi per le altre specie finora ignorate». Per il direttore Coldiretti Oristano e il presidente Uecoop «senza efficaci azioni di contenimento, si rimarca ancora, come, purtroppo, appare indifferibile il ricorso agli indennizzi per compensare le perdite degli operatori agricoli e della pesca. Per cui ci si augura che la dotazione finanziaria fissata nel 2016 possa essere adeguata e commisurata all’ entità della problematica».
Commenti
28/3/2017
5milioni e 175mila euro destinati ai Consorzi di Bonifica della Sardegna. Tali risorse sono ripartite tra i Consorzi in misura pari a 3/12 del contributo concesso nell’anno 2016
27/3/2017
E´ veramente necessario stoppare l´iter di un piano di bonifica da cui possono trarre vantaggio la maggior parte degli agricoltori delle borgate storiche? Quale può essere l´interesse di pochi rispetto ai tanti? Il compito di una amministrazione deve essere prima di tutto proporre progetti e soluzioni in tutti i campi, tenendo conto del bene collettivo
27/3/2017
Il Consorzio di Bonifica della Nurra introduce nuove disposizioni a seguito della forte limitazione nell´uso dell´acqua irrigua a causa delle criticità del sistema di approvviggionamento idrico Temo-Cuga-Bidighinzu e delle poche precipitazioni registrate nei mesi scorsi
27/3/2017
A raccolta parte delle opposizioni consiliari di Alghero nella sede del circolo cittadino del Partito democratico: Alleanza Popolare (ex Ncd), Patto Civico, Psd´Az e Gruppo Misto. Forza Italia storce il naso e sta alla finestra
17:42
Nell’isola sono, infatti, 2.501 i produttori e trasformatori che operano in questo settore, cresciuto tra il 2014 e 2015 del 3,9%. Giovedì 30 marzo a Sassari seminario tecnico organizzato da Confartigianato Imprese Sardegna ed Ecogruppo Italia
© 2000-2017 Mediatica sas