Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaCronaca › Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute
A.B. 11 gennaio 2016
Il 68enne è stato trasferito dal carcere di Oristano-Massama al Reparto di Neurochirurgia dell´ospedale Brotzu di Cagliari
Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute


ORISTANO - «Gigino Milia ha lasciato il carcere di Oristano-Massama per gravi motivi di salute. Un ricovero nel reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale Giuseppe Brotzu di Cagliari, suggerito fin dall’ottobre 2014, ma effettuato dopo numerose richieste da parte dei familiari e dei legali dell’uomo solo il 9 dicembre scorso, ha determinato una diagnosi che non lascia dubbi. L’uomo, 68 anni, originario di Fluminimaggiore, ha una tetraparesi agli arti e sono maggiormente compromessi quelli superiori. Insomma, è affetto da sclerosi laterale amiotrofica». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente di Socialismo Diritti Riforme, ricordando che «le condizioni di salute dell’uomo erano progressivamente peggiorate, tanto che già un anno fa, l’associazione aveva espresso viva preoccupazione per le sue condizioni in stato di detenzione e in assenza di accertamenti diagnostici più approfonditi».

«La vicenda di Gigino Milia – sottolinea Caligaris – induce a riflettere sulla salute penitenziaria e sulla possibilità da parte dei medici, in particolare nel caso specifico del responsabile dell’Infermeria del carcere di Massama, di garantire ai cittadini privati della libertà interventi diagnostici circostanziati in tempi adeguati. E’ evidente che un detenuto cardiopatico che non riesce a reggersi autonomamente sulle gambe e presenta un tremore agli arti, non può non preoccupare i familiari. Desta qualche perplessità però che l’evidente peggioramento, con l’ipostenia, non abbia indotto il responsabile sanitario a disporre l’immediato ricovero ospedaliero».

«E’ appena il caso di ricordare – evidenzia la presidente di Sdr – che il diritto alla salute prescinde dalla condizione di limitazione della libertà e deve essere garantito specialmente quando i segnali di una progressiva degenerazione delle capacità motorie appaiono così evidenti. Non sappiamo se un ricovero a novembre o dicembre 2014 avrebbe potuto evitare a Milia una prognosi infausta, è però preoccupante che un detenuto, peraltro in attesa di giudizio, possa restare senza una diagnosi certa per quattordici mesi. I magistrati hanno agito con coerenza e sensibilità disponendo immediatamente i domiciliari. Ora però la famiglia con gli avvocati Roberto Delogu e Riccardo Floris vuole sapere se la Direzione Sanitaria del carcere abbia operato in scienza e coscienza. Sicuramente però non si sfonda il tetto della spesa sanitaria se viene effettuata con tempestività una visita specialistica in un reparto attrezzato. La vita e la serenità dei pazienti – conclude Caligaris – hanno un costo che una società civile deve sostenere a prescindere dalla perdita della libertà».
Commenti
29/8/2016 video
Questa mattina, due malviventi mascherati hanno assaltato un portavalori all'incrocio tra via via Cravellet e via Marconi. Il bottino dovrebbe superare i 100mila euro
14:07
Gli agenti sono intervenuti nel centro storico cittadino a seguito di una segnalazione circa la presenza di un individuo armato di motosega che minacciava dei vicini. Denunciato 22enne
29/8/2016
E´ l´ora dei fatti. Se non si può prevedere, s´inizi a prevenire. Partendo dalle scuole, uffici pubblici, chiese (alla faccia del messaggio di Cristo: «Costruite sulla roccia, non sulla sabbia»). E si compia una seria opera di controllo. Mai più corruzione. Mai più vittime della cattiva edilizia
29/8/2016
E´ stato indagato per omicidio stradale il 19enne Giuseppe Boi, al volante della Golf sulla quale viaggiava anche il 20enne Enrico Lecca, deceduto sabato in seguito all´incidente lungo la Strada Provinciale 118
27/8/2016
Il tragico incidente si è registrato attorno alle ore 16.30, nelle acque del Comune di Budoni. I tentativi di rianimazione non hanno avuto l'esito sperato
11:23
Prefettura, Capitaneria di porto, Questura, Protezione civile, Croce rossa stanno predisponendo l´area con le tende per le visite mediche e le operazioni di identificazione
27/8/2016
Nella notte tra giovedì e venerdì, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato due 20enni ogliastrini ed un 24enne romeno, già noto alle Forze dell´ordine
17:13
Sarà messa in vendita il prossimo 11 novembre nel Tribunale di Sassari. Base d´asta poco meno di tre milioni di euro. La villa appartiene alla Prato Verde srl di Alghero che l´ha rilevata nel 2010
11:17
L´episodio risale al 17 agosto scorso. Il ferito, con fratture multiple, è stato sottoposto a intervento chirurgico. L´aggressore, anche lui in vacanza, è stato bloccato nel porto di Olbia prima dell´imbarco
12:05
L´uomo si trovava nel parcheggio dell´Hotel Mediterraneo, quando la sua auto è stata bloccata da due vetture, dalle quali sono scesi due banditi, con i volti coperti armati di pistola
© 2000-2016 Mediatica sas