Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaCronaca › Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute
A.B. 11 gennaio 2016
Il 68enne è stato trasferito dal carcere di Oristano-Massama al Reparto di Neurochirurgia dell´ospedale Brotzu di Cagliari
Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute


ORISTANO - «Gigino Milia ha lasciato il carcere di Oristano-Massama per gravi motivi di salute. Un ricovero nel reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale Giuseppe Brotzu di Cagliari, suggerito fin dall’ottobre 2014, ma effettuato dopo numerose richieste da parte dei familiari e dei legali dell’uomo solo il 9 dicembre scorso, ha determinato una diagnosi che non lascia dubbi. L’uomo, 68 anni, originario di Fluminimaggiore, ha una tetraparesi agli arti e sono maggiormente compromessi quelli superiori. Insomma, è affetto da sclerosi laterale amiotrofica». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente di Socialismo Diritti Riforme, ricordando che «le condizioni di salute dell’uomo erano progressivamente peggiorate, tanto che già un anno fa, l’associazione aveva espresso viva preoccupazione per le sue condizioni in stato di detenzione e in assenza di accertamenti diagnostici più approfonditi».

«La vicenda di Gigino Milia – sottolinea Caligaris – induce a riflettere sulla salute penitenziaria e sulla possibilità da parte dei medici, in particolare nel caso specifico del responsabile dell’Infermeria del carcere di Massama, di garantire ai cittadini privati della libertà interventi diagnostici circostanziati in tempi adeguati. E’ evidente che un detenuto cardiopatico che non riesce a reggersi autonomamente sulle gambe e presenta un tremore agli arti, non può non preoccupare i familiari. Desta qualche perplessità però che l’evidente peggioramento, con l’ipostenia, non abbia indotto il responsabile sanitario a disporre l’immediato ricovero ospedaliero».

«E’ appena il caso di ricordare – evidenzia la presidente di Sdr – che il diritto alla salute prescinde dalla condizione di limitazione della libertà e deve essere garantito specialmente quando i segnali di una progressiva degenerazione delle capacità motorie appaiono così evidenti. Non sappiamo se un ricovero a novembre o dicembre 2014 avrebbe potuto evitare a Milia una prognosi infausta, è però preoccupante che un detenuto, peraltro in attesa di giudizio, possa restare senza una diagnosi certa per quattordici mesi. I magistrati hanno agito con coerenza e sensibilità disponendo immediatamente i domiciliari. Ora però la famiglia con gli avvocati Roberto Delogu e Riccardo Floris vuole sapere se la Direzione Sanitaria del carcere abbia operato in scienza e coscienza. Sicuramente però non si sfonda il tetto della spesa sanitaria se viene effettuata con tempestività una visita specialistica in un reparto attrezzato. La vita e la serenità dei pazienti – conclude Caligaris – hanno un costo che una società civile deve sostenere a prescindere dalla perdita della libertà».
Commenti
1/12/2016
E´ bastato qualche minuto in cui il conducente è sceso dal mezzo lasciandolo temporaneamente incustodito. In quel momento passava un uomo che non ci ha pensato due volte a mettersi alla guida e partire. E' stato rintracciato poco dopo dalla polizia locale
22:21
Rocco Celentano era accusato di aver falsificato le firme elettorali per la presentazione della lista del Psi alle Elezioni Provinciali del 2010. Il pubblico ministero Tommaso Giovannetti aveva chiesto una condanna ad otto mesi di reclusione
1/12/2016
Questa mattina, un malvivente, con il volto parzialmente coperto e coltello in pugno, è entrato nell´esercizio commerciale di Via Crespellani facendosi consegnare l´incasso
2/12/2016
Ieri sera, un uomo, con il viso coperto ed armato di coltello, è entrato nell´esercizio di Via Cagliari ed è scappato con circa 300euro. Tante le analogie con la rapina registrata ieri a Cagliari
11:12
I Carabinieri della locale Compagnia cercato un malvivente che, armato di pistola e con il viso parzialmente coperto, ha cercato di rapinare l´Eurospin di Via Cagliari
1/12/2016
Ieri i finanzieri del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Sassari si sono recati a Sant´Anna e avrebbero notificato i provvedimenti agli uffici che si sono occupati negli ultimi anni dell´avviso pubblico per l´affidamento del servizio di raccolta
1/12/2016
Presentato il “Report su povertà ed esclusione sociale in Sardegna 2016” curato dalla Caritas. La povertà rimane stabile in Sardegna, ma con una tendenza all'aumento per il 2016
1/12/2016
Il giovane accusato di essere uno dei due killer che il 18 gennaio 2008 avevano ucciso a colpi di fucile il compaesano Sebastiano Sale, è stato rinviato a giudizio dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Nuoro Sara Perlo. Il giudice ha anche fissato la data della prima udienza che si terrà in Corte d´assise giovedì 20 aprile 2017
21:39
Giunta a Cagliari al seguito di un connazionale con la promessa di un lavoro, una 20enne romena si è trovata a prostituirsi per strada. Ora, è stata trasferita in una struttura protetta
12:05
I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno sequestrato oltre 12500 articoli in violazione alla sicurezza dei prodotti, contraffazione e normativa a tutela del “made in Italy”
13:38
Attorno alle ore 10, un malvivente, armato di fucile e con il volto coperto da un passamontagna, ha fatto irruzione e si è fatto consegnare il denaro presente nelle casse, scappando con circa 700euro
15:32
Gli agenti hanno scoperto in una Fiat 500 e sequestrato circa 1300 fuochi d´artificio non conformi alle leggi vigenti. Indagati due giovani fermati a bordo dell´autovettura
© 2000-2016 Mediatica sas