Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaCronaca › Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute
A.B. 11 gennaio 2016
Il 68enne è stato trasferito dal carcere di Oristano-Massama al Reparto di Neurochirurgia dell´ospedale Brotzu di Cagliari
Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute


ORISTANO - «Gigino Milia ha lasciato il carcere di Oristano-Massama per gravi motivi di salute. Un ricovero nel reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale Giuseppe Brotzu di Cagliari, suggerito fin dall’ottobre 2014, ma effettuato dopo numerose richieste da parte dei familiari e dei legali dell’uomo solo il 9 dicembre scorso, ha determinato una diagnosi che non lascia dubbi. L’uomo, 68 anni, originario di Fluminimaggiore, ha una tetraparesi agli arti e sono maggiormente compromessi quelli superiori. Insomma, è affetto da sclerosi laterale amiotrofica». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente di Socialismo Diritti Riforme, ricordando che «le condizioni di salute dell’uomo erano progressivamente peggiorate, tanto che già un anno fa, l’associazione aveva espresso viva preoccupazione per le sue condizioni in stato di detenzione e in assenza di accertamenti diagnostici più approfonditi».

«La vicenda di Gigino Milia – sottolinea Caligaris – induce a riflettere sulla salute penitenziaria e sulla possibilità da parte dei medici, in particolare nel caso specifico del responsabile dell’Infermeria del carcere di Massama, di garantire ai cittadini privati della libertà interventi diagnostici circostanziati in tempi adeguati. E’ evidente che un detenuto cardiopatico che non riesce a reggersi autonomamente sulle gambe e presenta un tremore agli arti, non può non preoccupare i familiari. Desta qualche perplessità però che l’evidente peggioramento, con l’ipostenia, non abbia indotto il responsabile sanitario a disporre l’immediato ricovero ospedaliero».

«E’ appena il caso di ricordare – evidenzia la presidente di Sdr – che il diritto alla salute prescinde dalla condizione di limitazione della libertà e deve essere garantito specialmente quando i segnali di una progressiva degenerazione delle capacità motorie appaiono così evidenti. Non sappiamo se un ricovero a novembre o dicembre 2014 avrebbe potuto evitare a Milia una prognosi infausta, è però preoccupante che un detenuto, peraltro in attesa di giudizio, possa restare senza una diagnosi certa per quattordici mesi. I magistrati hanno agito con coerenza e sensibilità disponendo immediatamente i domiciliari. Ora però la famiglia con gli avvocati Roberto Delogu e Riccardo Floris vuole sapere se la Direzione Sanitaria del carcere abbia operato in scienza e coscienza. Sicuramente però non si sfonda il tetto della spesa sanitaria se viene effettuata con tempestività una visita specialistica in un reparto attrezzato. La vita e la serenità dei pazienti – conclude Caligaris – hanno un costo che una società civile deve sostenere a prescindere dalla perdita della libertà».
Commenti
19/1/2017
L´udienza davanti al Gup è stata fissata per il prossimo 20 febbraio. I reati contestati sono quelli di peculato, falso ideologico, falso materiale e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente
19/1/2017
Questa mattina, alla fermata Ctm di Piazza IV novembre, un giovane ha provato ad entrare dalla porta centrale del bus senza biglietto e, alle rimostranze del controllore, lo ha prima preso per il collo e poi ha tolto un coltello da tasca. I Carabinieri della locale Compagnia lo hanno arrestato per lesioni, minacce e resistenza
18/1/2017
Un uomo si è finto il maresciallo dei Carabinieri di Carloforte per farsi pagare via Poste Pay 140euro per un telefono cellulare mai arrivato a destinazione
18/1/2017
Ieri sera, il proprietario del punto vendita di Via Gramsci, a Quartu Sant´Elena, è riuscito a disarmare ed a far scappare il ladro
18/1/2017
Il Tribunale del riesame di Sassari ha accolto l’istanza di dissequestro dell’azienda agricola di Surigheddu e Mamuntanas. La prima battaglia in Aula è stata vinta dai 14 allevatori che utilizzano le terre del Demanio
18/1/2017
Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti della Sezione Volanti ha denunciato in stato di libertà per tentato furto un giovane, già noto alle Forze dell´ordine, residente in un centro dell’hinterland sassarese
18/1/2017
A bordo del traghetto attraccato a Livorno sono intervenuti i volontari del 118 col medico, che nulla hanno potuto fare se non constatarne il decesso. All´origine della morte, probabilmente, un arresto cardiaco
19/1/2017
L´inchiesta risale al 2012 ed è legata alla contestata terapia ideata dal neurologo Giuseppe Dore, di 46 anni, di Ittiri. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d´ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo
11:22
Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, l´abitazione di un 42enne di iglesias, in località Sa Stoia, è stata obiettivo di alcuni colpi d'arma da fuoco sparati contro la porta e la finestra
12:09
I militari della Tenenza della Guardia di finanza, hanno scoperto una truffa milionaria ai danni della Comunità europea per contributi pubblici indebitamente percepiti da un´impresa di Portoscuso
© 2000-2017 Mediatica sas