Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaCronaca › Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute
A.B. 11 gennaio 2016
Il 68enne è stato trasferito dal carcere di Oristano-Massama al Reparto di Neurochirurgia dell´ospedale Brotzu di Cagliari
Oristano: Milia ai domiciliari per motivi di salute


ORISTANO - «Gigino Milia ha lasciato il carcere di Oristano-Massama per gravi motivi di salute. Un ricovero nel reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale Giuseppe Brotzu di Cagliari, suggerito fin dall’ottobre 2014, ma effettuato dopo numerose richieste da parte dei familiari e dei legali dell’uomo solo il 9 dicembre scorso, ha determinato una diagnosi che non lascia dubbi. L’uomo, 68 anni, originario di Fluminimaggiore, ha una tetraparesi agli arti e sono maggiormente compromessi quelli superiori. Insomma, è affetto da sclerosi laterale amiotrofica». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente di Socialismo Diritti Riforme, ricordando che «le condizioni di salute dell’uomo erano progressivamente peggiorate, tanto che già un anno fa, l’associazione aveva espresso viva preoccupazione per le sue condizioni in stato di detenzione e in assenza di accertamenti diagnostici più approfonditi».

«La vicenda di Gigino Milia – sottolinea Caligaris – induce a riflettere sulla salute penitenziaria e sulla possibilità da parte dei medici, in particolare nel caso specifico del responsabile dell’Infermeria del carcere di Massama, di garantire ai cittadini privati della libertà interventi diagnostici circostanziati in tempi adeguati. E’ evidente che un detenuto cardiopatico che non riesce a reggersi autonomamente sulle gambe e presenta un tremore agli arti, non può non preoccupare i familiari. Desta qualche perplessità però che l’evidente peggioramento, con l’ipostenia, non abbia indotto il responsabile sanitario a disporre l’immediato ricovero ospedaliero».

«E’ appena il caso di ricordare – evidenzia la presidente di Sdr – che il diritto alla salute prescinde dalla condizione di limitazione della libertà e deve essere garantito specialmente quando i segnali di una progressiva degenerazione delle capacità motorie appaiono così evidenti. Non sappiamo se un ricovero a novembre o dicembre 2014 avrebbe potuto evitare a Milia una prognosi infausta, è però preoccupante che un detenuto, peraltro in attesa di giudizio, possa restare senza una diagnosi certa per quattordici mesi. I magistrati hanno agito con coerenza e sensibilità disponendo immediatamente i domiciliari. Ora però la famiglia con gli avvocati Roberto Delogu e Riccardo Floris vuole sapere se la Direzione Sanitaria del carcere abbia operato in scienza e coscienza. Sicuramente però non si sfonda il tetto della spesa sanitaria se viene effettuata con tempestività una visita specialistica in un reparto attrezzato. La vita e la serenità dei pazienti – conclude Caligaris – hanno un costo che una società civile deve sostenere a prescindere dalla perdita della libertà».
Commenti
27/3/2017
Una lettera minatoria, con un proiettile nella busta, è stata recapitata ad una maestra elementare di Oliena, che insegna nel vicino paese di Mamoiada. La solidarietà del sindaco e dell´assessore regionale
27/3/2017
I Carabinieri della locale Compagnia, nell’ambito dei servizi a contrasto dell’illegalità diffusa e delle cosiddette “stragi del sabato sera”, nonché della prevenzione illeciti connessi al fenomeno della “movida”, hanno controllato 153 persone, 82 veicoli ed un esercizio pubblico
27/3/2017
Scontri a Sassari, Nicola Sanna: «La città vuole chiarezza» Il sindaco scrive al ministro dell´Interno Domenico Minniti.
28/3/2017
Al vertice parteciperà il presidente del Cagliati, Tommaso Giulini, assente ieri, per precedenti impegni, alla prima riunione convocata dalla prefetta Giuliana Perrotta dopo gli scontri di sabato a Sassari
27/3/2017
La Procura di Sassari ha iscritto un terzo nome nel registro degli indagati nell´inchiesta sui furti di cocaina, dall´ufficio Corpi di reato del tribunale sassarese, che tre settimana fa ha portato a due arresti. La nuova indagata sarebbe la compagna di uno dei due
28/3/2017
Il dirigente scolastico Antonio Fadda ieri ha aperto il consiglio d´istituto a Mamoiada a cui hanno partecipato le famiglie e la docente originaria di Oliena a cui è stata recapitata nei giorni scorsi una lettera con un messaggio minatorio e un proiettile
27/3/2017
Dopo gli scontri di sabato scorso a Sassari, è pronta una circolare da inviare a tutte le agenzie di autonoleggio affinché informino la questura sui viaggi previsti dalle tifoserie in trasferta
27/3/2017
La Questura di Palermo ha vietato la vendita di biglietti per il settore ospiti per il match del 2 aprile prossimo in Sicilia. La decisione è stata presa dopo gli scontri avvenuti sabato scorso a Sassari
27/3/2017
Grave intimidazione nei confronti di un noto avvocato del foro di Sassari. Due buste con proiettili e miccia detonante sono arrivate al suo indirizzo nei giorni scorsi. Indagini dei carabinieri
28/3/2017
Barchino avvistato a diverse miglia sud di Capo Teulada un barchino con a bordo otto algerini diretto verso le coste sarde. Sono stati trasferiti in alcuni centri di accoglienza
7:38
Una fucilata è stata esplosa contro la casa di campagna del suocero del sindaco, Marcello Cannas, e solitamente utilizzata dalla moglie del primo cittadino
11:22
Il fatto si è registrato nel pomeriggio di ieri. Il volontario ha riportato un taglio al braccio ed è stato trasportato in ospedale, ma non è grave. Dalle prime indiscrezioni, pare che il 69enne, ora in stato di fermo, non gradisse il trasferimento nelle vicinanze della sua abitazione dell´associazione di volontariato
14:17
Giovedì, all´uscita dalla scuola media Colombo, nel Quartiere del Sole, a Cagliari, un 14enne sarebbe stato malmenato da un coetaneo. Sabato, il padre ha denunciato il fatto
21:08
In un blitz in località Agumu, il Corpo forestale ha sequestrato gli immobili in costruzione, per una superficie di circa 120metri quadri ciascuno, a 500metri dal mare. Il 50enne proprietario dell´area è accusato di abuso edilizio e lottizzazione abusiva
© 2000-2017 Mediatica sas