Oristano News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Oristano News su YouTube Oristano News su Facebook Oristano News su Twitter Alguer.cat
Oristano NewsnotizieoristanoCronacaSicurezza › Ezio Domenico Basso è il nuovo procuratore di Oristano
A.B. 30 dicembre 2015
Il 51enne di Mondovì è stato nominato dal plenum del Consiglio Superiore della Magistratura. Per lui, ventitre anni di esperienza tra Torino, Mondovì, Saluzzo e Vercelli
Ezio Domenico Basso è il nuovo procuratore di Oristano


ORISTANO – Ezio Domenico Basso è il nuovo procuratore della Repubblica di Oristano. Il 51enne di Mondovì è stato nominato dal plenum del Consiglio Superiore della Magistratura e prende il posto lasciato vacante il 26 settembre da Andrea Padalino Morichini.

Basso, alla sua prima esperienza da procuratore fuori dal Piemonte, era sostituto procuratore del Tribunale di Vercelli, dove giunse tre anni fa dopo il suo impegno ventennale in quelli di Torino, Mondovì e Saluzzo. Per lui, nell'agosto 2014, in seguito ad una lettera intimidatoria (accompagnata da un proiettile), il Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica aveva costituito una scorta.

Per lui era la secondo volta, dopo quella costituita per la sua persona nel 2005 (e durata 26 mesi), quando era di servizio a Mondovì e vennero lanciare tre bottiglie incendiarie contro la sua abitazione. Seguendo il normale iter burocratico, il nuovo procuratore dovrebbe arrivare nel palazzo di Piazza Aldo Moro tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo 2016.

Nella foto: il procuratore Ezio Domenico Basso
Commenti
26/8/2016
Ieri sera, un 33enne lombardo si è perso nella zona tra Cala Fuile e Cala Luna, ma ha avuto la prontezza di segnalare la sua posizione con il gps. Pronto l´intervento dei Vigili del Fuoco di Nuoro
26/8/2016
Poco dopo la mezzanotte, un barchino con a bordo dieci algerini è approdato sulla spiaggia di Porto Pino. A bordo, c´erano dieci algerini, subito trasferiti nel centro di accoglienza di Assemini
26/8/2016
Nella zona, verrà installato a spese del locale algherese un impianto di segnalazione luminosa a sbraccio con tabella bifacciale con il simbolo di “attraversamento pedonale” rafforzata da una barra luminosa a due semafori lampeggianti gialli che renderà molto più evidente le sottostanti strisce pedonali e l´area prossima alle stesse
17:20
Prima delle leggi ci vuole la responsabilita´, l´uso consapevole della libertà di ciascuno di noi. «Giovanni Falcone ce lo ha insegnato: la lotta alla mafia è una battaglia di legalità e di civiltà. Per combatterla non bastano le leggi se prima non le abbiamo scritte nelle nostre coscienze». E’ il messaggio chiaro e diretto lanciato ieri da don Luigi Ciotti per la prima volta all’Asinara
© 2000-2016 Mediatica sas